Ultimo aggiornamento: sabato 23 gennaio 2021 00:26

JUVE, UN SOFFIO DI RAFIA

14.01.2021 | 12:30

Hamza Rafia nasce a Kalaat Senan, il 2 aprile del 1999, è un centrocampista tunisino con cittadinanza francese, attualmente in forza alla Juventus U23.
Da piccolo si sposta con la famiglia in Francia, muove i primi passi a Lione con il Bron Terraillon dal 2005 al 2009, nell’anno seguente è al Bron Grand Lyon e dopo essere stato visto da alcuni osservatori, viene tesserato dall’Olympique Lione. Dopo aver giocato nelle varie squadre giovanili viene promosso nel Lione 2, con il quale registra 25 presenze in tre anni.
Nel luglio del 2019 la Juventus U23 lo fa suo per 400mila euro più bonus che possono arrivare a 5 milioni, oltre al 20% di una futura rivendita. Il 26 agosto debutta in C coi bianconeri nella sconfitta contro il Novara per 2-0. La prima rete arriva a dicembre, quando il calcio di rigore segnato da Rafia porta la Juve in semifinale di Coppa Italia Serie C. Suo anche il gol decisivo per alzare il trofeo, nell’1-2 con la Ternana in finale.
In possesso di doppia cittadinanza, Hamza ha giocato per la Francia U17 e U18, vanta inoltre sette presenze con la Tunisia.

Il suo talento è stato scoperto da Luigi Rizzo, è un trequartista dalle grandi doti tecniche, bravo e veloce nel dribbling e abile a mandare i compagni in rete con dei preziosi assist.
Il 17 ottobre 2020 viene convocato da Pirlo in prima squadra per la gara col Crotone, date le numerose assenze, ma non arriva l’esordio. La storia si ripete per l’impegno casalingo contro l’Hellas Verona. La sua prima presenza coi “grandi” è arrivata ieri, nella gara di Coppa Italia contro il Genoa, subentrando a Portanova e mettendo a segno il gol vittoria (3-2) nei tempi supplementari.
Il tunisino era incredulo nel post partita, “domenica giocavo contro la Carrarese in C, oggi ho fatto passare il turno alla Juve in Coppa Italia e ho giocato con Ronaldo”, una bella storia che non deve rimanere un episodio isolato.
Rafia con il suo talento e la sua predisposizione al lavoro e al sacrificio può ritagliarsi presto un posto nel calcio che conta. Il suo contratto in bianconero scade nel 2022, nel calcio odierno, sempre più ricco di infortuni e con il Covid-19, possono arrivare chance di questo tipo: Rafia la sua l’ha sfruttata al meglio e avrà altre occasioni per mostrare il suo talento.

 

Foto: Twitter Juventus U23