Ultimo aggiornamento: martedi' 26 gennaio 2021 18:12

KAHVECI, UN MANCINO DA SBALLO PER IL BASAKSEHIR

03.12.2020 | 13:42

İrfan Can Kahveci  nasce a Bayat, il 15 luglio del 1995, è un centrocampista turco attualmente in forza all’Istanbul Basaksehir.
La sua carriera giovanile avviene tra le file del Genclerbirligi, che nel 2013 lo manda in prestito all’Hacettepe per farsi le ossa in 3 Lig, ovvero la quarta serie Turca. Al rientro debutta in Superlig il 29 agosto del 2014, a 19 anni e un mese con Mustafa Kaplan, che era stato il suo allenatore anche all’Hacettepe.
Nelle tre stagioni con la squadra A del Genclerbirligi, Kahveci registra 71 presenze e 9 reti, prima di essere ceduto all’Istanbul Basaksehir nel gennaio 2017.
Con la formazione di proprietà del Ministero turco per la Gioventù e lo Sport disputa 97 partite e mette a segno 10 gol, vincendo il titolo nel 2019-20 al termine di una stagione eccellente. Così il Basaksehir è diventata la terza squadra a riuscire a vincere il campionato oltre alle tre grandi di Istanbul: Besiktas, Galatasaray e Fenerbahce.
Kahveci gioca anche per la sua Turchia nelle Nazionali Under 17, 18, 20 e 21, prima di debuttare in quella maggiore il 23 marzo 2018 con Mircea Lucescu come Ct.

Ieri ha messo a segno una tripletta nella gara di Champions League contro il Lipsia, persa per 4-3 dai suoi nei minuti di recupero, grazie alla rete decisiva di Sorloth, abile a sfruttare un’incertezza dell’estremo difensore turco, Mert Gunok.
Kahveci ha eguagliato Cristiano Ronaldo e Gareth Bale in un particolare record, sono gli unici ad aver fatto una tripletta in Champions senza riuscire ad evitare la sconfitta della propria squadra. Il portoghese l’aveva siglata con la maglia del Real Madrid nell’aprile 2013, opposto al Manchester United, mentre è ben presente nei ricordi degli italiani quella di Bale, che vestendo i colori del Tottenham fece tre gol a San Siro contro l’Inter.
Il centrocampista turco ha fatto vedere tutte le sue capacità nella sfida di ieri, il primo gol arriva sugli sviluppi di un corner, viene servito al limite dell’area e punisce i tedeschi allargando il piatto mancino e colpendo sul primo palo.
Il secondo gol è un sinistro a giro dal limite dell’area che supera Gulacsi sul secondo palo, mentre il momentaneo 3-3 è magistrale: un calcio di punizione che si insacca dopo aver scheggiato la parte interna della traversa.
Il Basaksehir con la sconfitta di ieri è condannato all’ultimo posto in un girone davvero molto difficile, questo potrà soltanto rimandare alla prossima stagione la possibilità di vedere Kahveci trascinare il club arancione in Europa, a meno che nell’estate non arrivi qualche grande club a bussare alla porta.

Foto: Twitter Ufficiale Istanbul Basaksehir