Ultimo aggiornamento: domenica 31 marzo 2024 12:49

Tudor: “Pochi allenatori non verrebbero alla Lazio. Non sono un sergente”

23.03.2024 | 14:01

Il nuovo allenatore della Lazio Igor Tudor è stato presentato oggi in conferenza stampa. Queste le prime parole del tecnico croato:

“La Lazio è una squadra importante, pochi allenatori al mondo non verrebbero alla Lazio… Non ci sono giustificazioni, si accetta perché è la Lazio. Poi qui gli allenatori sono importanti, qui davvero si costruisce un progetto col tecnico. Puoi venire, puoi lavorare bene, ci sono le strutture e c’è l’appoggio. Sulla tattica lo vedremo in corso, bisogna vedere e valutare in corso. Un allenatore prende sempre allenatori adatti al suo modo di giocare, col club faremo in fretta delle valutazioni e in estate magari aggiusteremo qualcosa. Ma prima c’è da fare bene questi due mesi, c’è la Coppa Italia. Si gioca per il risultato che è la cosa più importante di tutte”.

Si sente un sergente? “No, è una brutta descrizione. Si deve essere tutto. Un po’ di bastone, un po’ di carota. Sono qui da quattro giorni e non ho dovuto alzare la voce una volta. I ragazzi sono disponibili. In Italia c’è una grande cultura del lavoro e qui lavorare è più facile. Poi è chiaro che a volte bisogna stimolare, bisogna stare sul pezzo perché magari qualcuno si accontenta. Poi fuori possono chiedere di tutto. Gliel’ho detto: ‘Possono chiedermi tutto tranne i soldi'”.

Su Immobile: “Tutto il popolo laziale ama Ciro, è un ragazzo di cuore, ha voglia di dare il suo contributo. Mi piace il calcio offensivo, ma deve sempre esserci equilibrio”.