Altro
Keita Jules Digione Foto La Croix

TALENTO, DRIBBLING E UN FUTURO DA SCRIVERE: JULES KEITA, LA FRECCIA DEL SORPRENDENTE DIGIONE

Il Digione vola sulle ali dell’entusiasmo e guarda tutti dall’alto verso il basso grazie alla vetta della classifica conquistata, a punteggio pieno, dopo le prime tra giornate di Ligue 1. Primo posto, tra l’altro, condiviso con il solito Paris Saint-Germain. Pertanto, una vera partenza sprint per la formazione allenata dal francese di origini italiane Olivier Dall’Oglio. L’ultima vittima in ordine cronologico, dopo Montpellier e Nantes, è stata il Nizza che, in maniera netta ed eclatante, si è piegata al cospetto dei biancorossi. Un successo per 4-0 figlio dell’organizzazione, dell’ottima preparazione durante il ritiro precampionato, ma soprattutto della stupefacente prestazione sfoderata da Jules Keita. Il talentuoso attaccante, entrato addirittura nella ripresa ed esattamente al minuto 66 al posto di Amalfitano, si scatena e sigla una doppietta che gela letteralmente l’Allianz Riviera. Un’emozione indescrivibile e una notte indimenticabile per il giovane che è soltanto alla sua terza apparizione nel massimo campionato transalpino. Abdoulaye Jules Keita nasce a Conakry, capitale e città più popolosa della Guinea, il 20 luglio del 1998. Sin da piccolo inizia a rincorrere il pallone sognando ad occhi aperti di poter calcare i campi dei migliori campionati europei.

Nel 2015 entra a far parte del settore giovanile dell’FC Atouga e dopo una sola stagione viene notato da alcuni osservatori del Bastia che, nel 2016, decidono di portarlo in Europa. Keita si mette in evidenza sfoggiando tutte le sue immense qualità: dribbling, cambio di passo e una discreta freddezza sotto porta. In poco tempo, dalle formazione Under, il promettente guineano viene promosso e inserito nella squadra B del club corso. Nel 2017, infine, avviene il passaggio al Digione. Il sodalizio biancorosso, dopo averlo visto all’opera nei campionati giovanili, lo monitora e alla fine opta per il suo acquisto a titolo definitivo. In poco tempo la sua crescita è esponenziale, durante la scorsa stagione viene spesso aggregato alla prima squadra senza, però, poter debuttare. Quest’anno, invece, la storia è cambiata e il tecnico Dall’Oglio ha deciso di puntare con convinzione su di lui: finora 3 gettoni e 2 marcature personali, un bottino niente male per un vero e proprio debuttante. Il futuro di Keita è tutto da scrivere, nel frattempo il sorprendente Digione può continuare a volare e a sognare.

Foto: La Croix

Archivio: Altro