Ultimo aggiornamento: domenica 07 marzo 2021 00:25

Spalletti: “Non c’è classifica bella senza squadra forte, questa Inter mi emoziona. Dalbert? Mica l’ho bruciato…”

24.10.2017 | 23:35

Spalletti

Il tecnico dell’Inter, Luciano Spalletti, ha parlato così ai microfoni di Premium Sport dopo la vittoria contro la Samp: “Mi emoziona il comportamento della squadra. Non c’è classifica bella, se non c’è squadra forte. Devi sempre passare da lì. Stasera abbiamo fatto una buona prestazione, ma sono contento soprattutto per i ragazzi, perché meritano questa attenzione da parte di tutti perché sono professionisti importanti. Anche stasera direi che abbiamo avuto fortuna, un paio di tiri potevano finire in fallo laterale, ma con una ventata sono finiti sul palo! Adesso potete dire che siamo sfortunati. Una grande partita fino al 3-0? Noi abbiamo giocato una grande partita, non 50 o 60 minuti. Poi ci sono gli avversari, forti, allenati bene, che hanno l’intenzione sana di fare sempre quello per cui si preparano. Ci sta che attraverso la qualità che hanno facciano gol. E’ tutto nella norma. Santon e non Dalbert? Nel tentare di farmi i complimenti magari mi create difficoltà che io non ho. Santon sta recuperando, Dalbert ha un po’ di affaticamento, è forte ma diventerà fortissimo. Dalbert non l’ho mica bruciato, ho messo Santon perché mi ci voleva uno più forte di testa, visto che avevo già perso Vecino. Eder l’ho usato poco per la qualità che ha e mi dispiace, vorrei trovargli posto. Joao Mario ha avuto quello stop e fa ancora un po’ di difficoltà a respirare, Ranocchia si sta allenando benissimo, Cancelo soffre ancora per la distorsione al collaterale. Qui viaggia tutto regolare, è tutto sotto controllo. Più forte la mia Roma dell’anno scorso o l’Inter di adesso? La Roma ha fatto 30 punti in più dell’Inter, vuol dire che era fortissima e anche quest’anno starà là in fondo al campionato. L’Inter non lo so, ma non ci sarà tregua per quelli che hanno fatto scelto l’Inter, noi dobbiamo trovare il modo per vincere tutte le partite. Cosa ho detto a Quagliarella? Ho detto a Fabio che è un rompiscatole, ci ha rimesso tutto in discussione a fine partita. E’ sempre così con lui. A Conti della Samp? Lui ha zampettato all’ultimo minuto per entrare in campo, con lui siamo grandi amici e sono andato a scherzare con lui a fine partita. Tra l’altro quando stavamo prendendo Skriniar era uno di quelli che mi diceva che è fortissimo, di lui e Giampaolo mi fido”.

Foto: Twitter Inter