Ultimo aggiornamento: venerdi' 29 maggio 2020 11:45

Spal, Mattioli e Colombarini: “Contenti di Di Biagio. In B se non si riprende? Faremo ricorso”

11.05.2020 | 13:05

Durante la videoconferenza di oggi in casa Spal, il presidente Walter Mattioli e il patron Simone Colombarini si sono soffermati su Di Biagio e sulla ripresa del campioanto:

Quale futuro pensate per Di Biagio?
Colombarini: “Lo staff tecnico è a scadenza. In base ai risultati cercheremo di capire come muoverci per la prossima stagione. Noi siamo contenti per quanto Di Biagio ha portato e credo ci siano tutti i presupposti per continuare con lui. Poi tutto dipenderà dalla categoria. Credo che troveremo un punto di incontro per quanto riguarda sia la permanenza in A che in B”.

Per Fares ci dobbiamo aspettare un addio sullo stile di Lazzari?
Mattioli: “Ne stiamo parlando di calciomercato. Dobbiamo tenere viva la situazione. Abbia il progetto A e il progetto B. Dobbiamo valutare entrambi. Sono situazioni completamente diverse. Abbiamo diverse ipotesi al vaglio, tutto dipenderà da come finirà la stagione. Fares ha diverse società che lo cercano. Se dimostrerà il suo grande valore fino a fine campionato, vedremo. Ma ce ne sono tanti di ragazzi che piacciono”.

Potrebbero esserci delle trattative per l’ingresso in società di altri imprenditori interessati alla SPAL?
Colombarini: “A oggi non c’è nulla in questo senso. Poi se dovessero manifestarsi interessamenti non chiuderemo la porta in faccia a nessuno. Se qualcuno si vorrà affiancare, valuteremo. Ma al momento non è una nostra priorità e non siamo mai arrivati a questo punto”.

In caso di chiusura anticipata del campionato, quale scenario preferite?
Mattioli: “In questi mesi abbiamo fatto centinaia di ore di videoconferenza, ma ci sono diversi scenari usciti sui giornali che in realtà non sono mai stati discussi. Noi dobbiamo farci trovare pronti, logico che brucia se ti dicono che sei penultimo e devi retrocedere senza poter giocare. Faremo tutti i ricorsi possibili. Noi siamo pronti a giocarcela fino in fondo, stiamo bene mentalmente e crediamo di potercela fare. Se ci fossero le condizioni ci stiamo. Ci dispiace solo perché non abbiamo i nostri tifosi. Anche io leggo che Gravina vorrebbe che fosse il governo a decidere queste situazioni. Di certo però non c’è nulla”.

Nei piani della società è previsto un futuro da dirigente per Sergio Floccari?
Mattioli: “Sergio è un giocatore della SPAL e penso che anche il prossimo anno vorrà giocare. La nostra intenzione è di rivolgerci verso un’altra persona. Di sicuro, Floccari non lo consideriamo come futuro d.s. della SPAL. Poi se esprimerà il desiderio di entrare in società al termine di questo campionato, magari con un ruolo dirigenziale diverso, ci sederemo al tavolo e discuteremo con lui”.

Foto: Spal Twitter