Ultimo aggiornamento: sabato 17 aprile 2021 22:18

GUERREIRO, IL NUOVO PADRONE DELLA FASCIA SINISTRA DEL DORTMUND

17.06.2016 | 11:45

Arriva dalla Francia il nuovo esterno sinistro del Borussia Dortmund. Si chiama Raphäel Guerreiro, ha ventidue anni ed ha giocato gli ultimi tre campionati nel Lorient. I giallo-neri, tedeschi della Westfalia, hanno dovuto sborsare una cifra attorno ai 12 milioni di euro per aggiudicarsi un profilo davvero interessante. Guerreiro è stato infatti soffiato alla concorrenza di altre grandi big europee. Le prime a interessarsi al mancino esterno sinistro sono state il Psg, campione di Francia, e l’Arsenal. Poi anche il Real Madrid e, da ultimo, il Barcellona hanno provato a inserirsi nell’affare. Ma, alla fine, i più convincenti sono stati i dirigenti del Borussia Dortmund. Così, il giovane Raphäel, nato in Francia a Le Blanc- Mesnil il 22 dicembre ’93, da mamma francese e papà portoghese, (ha entrambe le cittadinanze) che ha scelto la nazionale del Portogallo con cui sta disputando gli Europei in corso in Francia, vestirà la casacca del Dortmund dopo tanti anni trascorsi nel suo paese natio. Guerreiro inizia la sua carriera nelle giovanili del Clairefontaine per poi passare in quelle del Caen.

L’esordio da professionista in prima squadra avviene nella stagione 2012-2013 dove disputa da titolare il campionato di Ligue 2 (equivalente alla nostra Serie B) e, grazie alle sue prestazioni molto convincenti, a fine stagione viene eletto miglior terzino sinistro del campionato. Nell’estate del 2013, Guerreiro viene acquistato dal Lorient, squadra della Ligue 1 francese, per 3 milioni di euro sottoscrivendo un contratto quadriennale. Nella nuova squadra è uno dei migliori e viene apprezzato per la sua duttilità: gioca tranquillamente lungo tutta la fascia sinistra, sia come terzino che come centrocampista-ala. La sua forza unita a una grande velocità e ottima qualità nel palleggio e nei cross ne fanno uno dei profili più interessanti di tutto il campionato transalpino: in 102 partite realizza ben 10 reti e sforna una serie infinita di cross e di assist vincenti per i compagni. Durante la stagione 2015-2016, i grandi club europei cominciano a interessarsi al ragazzo che, nel frattempo, esordisce nella nazionale portoghese dove diventa uno dei pilastri della formazione lusitana. L’esordio da titolare nel Portogallo avviene il 14 novembre 2014, in una partita valida per le qualificazioni europee contro l’Armenia. Il 18 novembre seguente, segna di testa la rete della vittoria, (la sua prima in nazionale) in un’amichevole giocata a Manchester contro l’Argentina. In totale sono tre le reti siglate con la nazionale lusitana. Appetito da forti club europei, Psg e Arsenal prima, poi Liverpool e, infine, le spagnole Real Madrid (del compagno di nazionale Cristiano Ronaldo) e Barcellona, il forte laterale portoghese passa al Borussia Dortmund che ne dà comunicazione ufficiale sul suo sito nella giornata di giovedì 16 giugno.

I giallo-neri, vice-campioni di Germania e squadra molto ambiziosa che disputerà anche nel 2016-2017 la Champions League, lo strappano alla concorrenza facendo sottoscrivere al ragazzo portoghese un contratto fino al 2020. Se Guerreiro saprà fare ciò che ha dimostrato negli ultimi anni in Ligue 1 siamo sicuri che diventerà padrone assoluto della fascia sinistra del Dortmund. La società tedesca è da sempre molto brava a valorizzare giovani promesse (vedi l’attaccante Aubameyang, ex Milan) e Raphäel non poteva capitare in un posto migliore per crescere ulteriormente. Il direttore sportivo del Borussia Dortmund, Michael Zorc, ha detto di lui: ” E’ un giocatore tecnicamente molto valido ed è abile a ricoprire tutti i ruoli della fascia sinistra: siamo felici che abbia scelto il Borussia Dortmund per esprimere tutte le sue potenzialità”. Ora per Raphäel il pensiero è la qualificazione agli ottavi con il suo Portogallo con cui cercherà, insieme al suo capitano Cristiano Ronaldo, di arrivare più in alto possibile. Cosa che farà dal primo luglio e fino al 2020 per il Borussia Dortmund. Vai Guerreiro. Il nome promette bene…

Foto: www.bvb.de