Ultimo aggiornamento: martedi' 19 gennaio 2021 08:54

LOOKMAN, IL RISCATTO DOPO QUEL BRUTTO CUCCHIAIO

01.12.2020 | 11:08

C’è voluto meno di un mese. Per Ademola Lookman, fantasista del Fulham, il tempo di attesa per una seconda possibilità è stato relativamente breve. A qualcuno sarà tornata in mente una sera di fine estate di qualche anno fa, un preliminare di Champions finito ai rigori e l’insolenza che diventa goffaggine, materiale per la Gialappa dei tempi d’oro. Quando Lookman, nei minuti di recupero, ha tentato un improbabile cucchiaio dal dischetto contro il West Ham, il pensiero è inevitabilmente corso a Maicosuel e a quell’Udinese-Braga del 2012.
L’errore de ‘O Mago pesò tantissimo sulla stagione dell’Udinese e sulla sua reputazione: non ebbe modo di rifarsi, di rilanciarsi. Schiacciata dal peso di quell’errore, la sua esperienza in Europa non poté decollare. Ieri invece gli dei del calcio hanno offerto a Lookman la possibilità di smettere di pensare a quell’idea malsana avuta lo scorso 7 novembre e di provare a riprendere in mano la sua carriera. Portando in vantaggio il Fulham sul campo del Leicester, Lookman ha contribuito alla conquista di tre punti davvero pesanti per la squadra guidata da Scott Parker: un 2-1 contro un club in lotta per le prime posizioni.
Lookman ha 23 anni, è di proprietà del Lipsia, club in cui lo scorso anno ha trovato poco spazio. È tornato in patria, grazie al prestito al Fulham, con lo scopo di rilanciarsi. Nel 2017 si è laureato campione del mondo con la nazionale inglese Under 20, giocando da titolare sei partite su sette e andando in gol tre volte (anche in semifinale contro l’Italia di Evani). Lookman, 23 anni, è un esterno offensivo dotato di ottima tecnica, ama partire largo a sinistra per stringere il campo e giocare l’uno contro uno.
L’onda lunga di quel Mondiale vinto lo ha accompagnato nei primi sei mesi a Lipsia, da gennaio 2018 in poi: 5 gol in 11 partite di campionato, il primo dei quali al debutto, allo scadere in una vittoria per 1-0 sul campo del Gladbach. Era lì in prestito ma quelle prestazioni convinsero i dirigenti del gruppo Red Bull a investire su di lui un anno dopo, acquistandolo dall’Everton per una cifra vicina ai 20 milioni.
Ora l’esperienza al Fulham, a lottare per la salvezza, per ritrovare autostima e continuità. Lookman, per alimentare il suo indiscutibile talento, dovrà però evitare eccessi di sfrontatezza e cercare più spesso la strada della concretezza.

Foto: worldsoccercom