Ultimo aggiornamento: sabato 14 dicembre 2019 19:30

Diciotto mesi di buio per rinascere alla Luminus Arena: la storia a lieto fine di Oxlade-Chamberlain

24.10.2019 | 10:46

Non è mai facile rialzarsi ed è tanto più difficile farlo quando la caduta è dolorosa. Lo sa bene Alex Oxlade-Chamberlain, che ha vissuto un incubo durato oltre un anno.

Sono passati, infatti, più di 18 mesi da quando, nel corso della semifinale di Champions League 2018 contro la Roma, l’ala del Liverpool vedeva spezzarsi quella che sembrava un’ascesa inarrestabile ed il legamento crociato del proprio ginocchio destro. Un calvario iniziato in una notte in cui ci sarebbe dovuto essere spazio solamente per la gioia e che, invece, si trasformò in incubo.

Ieri, Alex è ufficialmente rinato, tornando a disputare una gara europea dopo una vita. E, peraltro, facendolo in maniera non banale, segnando due reti meravigliose. Che cancellano le tenebre, illuminando una carriera che, manco a dirlo, riparte dalla Luminus Arena. Oxlade-Chamberlain è tornato.

Foto: Twitter Liverpool