Ultimo aggiornamento: lunedi' 14 giugno 2021 09:28

KOSZNOVSZKY, QUALITÀ DALL’UNGHERIA

23.05.2021 | 12:45

Un esordio da titolare inaspettato quello di Mark Kosznovszky, centrocampista classe 2002 del Parma. Roberto D’Aversa ha regalato questa prima presenza in Serie A al giocatore nell’ultima giornata di Serie A nella trasferta di Genova contro la Sampdoria persa 3-0. Il numero 39 ha giocato 90 minuti come mezzala nel 3-5-2 disegnato dal tecnico del Parma, il quale, essendo ormai il Parma retrocessa da tempo, ha dato spazio a tanti giovani come Valenti, Dierckx e Busi dall’inizio, ma solo Kosznovszky ha fatto il suo esordio assoluto in Serie A. Nel secondo tempo sono entrati anche Balogh, Sohm, Traore e l’altro esordiente Zagaritis.

Il giovane ungherese ha fatto la sua onesta partita in un match comunque complicato. Inizialmente appare timido toccando pochi palloni. La sua inesperienza si vede nell’occasione del gol di Colley, è lui a tenerlo in gioco facendo un passo indietro anziché avanti per mandarlo in fuorigioco e anche nel secondo tempo, quando ha una grande occasione, ma calcio addosso a Letica. Sicuramente in futuro avrà occasione di dimostrare il suo valore che sta facendo vedere nella Primavera del Parma. Mark Kosznovszky, infatti, arriva al Parma direttamente dalla sua Budapest nel 2019. Il centrocampista, che nasce il 17 aprile del 2002 nella capitale ungherese, inizia nell’MTK scalando le varie sezioni giovanili. Nella Primavera della squadra emiliana conquista il posto da titolare facendo 20 presenze quest’anno condite da due gol e due assist. Kosznovszky ha anche qualche presenza nella Nazionale ungherese, ovviamente nelle giovanili. Quattro presenze nell’Under 16 e 3 nell’Under 17 avendo il numero 10. Non si sa quale sia il futuro immediato di Kosznovszky, se il prossimo anno farà il salto tra i più grandi o se resterà nelle giovanili, ma la titolarità che D’Aversa gli ha regalato ieri può essere un primo segnale.

Foto: Twitter Parma