Ultimo aggiornamento: domenica 28 febbraio 2021 13:53

JHON CORDOBA, IL COLOMBIANO CHE HA CONQUISTATO COLONIA

27.05.2020 | 13:35

7 gol nelle scorse 9 partite, l’ultimo messo a segno tre giorni fa contro il Fortuna Dusseldorf. Numeri che in Bundesliga dovrebbero appartenere solo a Lewandowski o Haaland, ma che invece ha fatto registrare Jhon Cordoba, una delle sorprese più piacevoli del campionato, che dopo un inizio molto complicato si è ripreso alla grande e, grazie al suo straordinario 2020 (nonostante lo stop della Bundes per oltre due mesi causa Coronavirus), ha guidato il Colonia ben lontano dalla zona retrocessione. Lo stesso giocatore altalenante, considerato incompleto e poco freddo, capace di non segnare in oltre 900 minuti della sua prima stagione in Bundesliga, ora viene celebrato come un re, e definisce addirittura in Germania è stato rinominato “il colombiano che ha conquistato Colonia”.

Ma torniamo indietro di qualche anno. E’ l’estate del 2013, in pieno svolgimento c’è la sessione di calciomercato. Sono le settimane di Jackson Martinez al Napoli, un affare poi sfumato per via di una clausola di rescissione giudicata eccessiva dagli azzurri. La stessa clausola (35 milioni) poi versata nelle casse del Porto dall’Atletico Madrid due anni più tardi. Ma, tornando a quei vibranti momenti sull’asse Oporto-Napoli, il nome sul taccuino dei Dragoes per sostituire il bomber sudamericano era proprio lui, Jhon Cordoba, figlio d’arte (suo padre è Manuel Acisclo Cordoba, ex attaccante della nazionale colombiana a metà degli anni ’80, soprannominato in patria “El Triciclo”), all’epoca appena ventenne e con una modesta esperienza tra Envigado, Jaguares e Dorados. E pensare che, dopo la permanenza in Portogallo di Martinez, l’attaccante classe 1993 sarebbe potuto arrivare in Italia. Su di lui c’erano diverse società nostrale, ma alla fine nessuna di loro la spuntò (nonostante un prezzo di mercato che raggiungeva appena il milione e mezzo di euro) e la grande occasione di sbarcare nel Vecchio Continente rispose al nome dell’Espanyol. Una stagione non troppo esaltante (28 presenze e 4 reti), bissata l’anno successivo al Granada (altri quattro gol) ma con potenzialità in crescita davvero molto interessanti. Si tratta infatti della classica punta centrale (188 centimetri di altezza) che sa fare reparto da solo, ideale per un 4-3-3 o per un 4-2-3-1, con pochissimi rivali negli scontri aerei e un’abilità negli ultimi 16 metri che sta migliorando stagione dopo stagione.

I numeri crescono leggermente, ma i problemi rimangono, anche nelle prime due stagioni in Bundesliga, in maglia Mainz. Il Colonia, nell’estate 2017, lo acquista con la convinzione di aver trovato una stella per il presente ed il futuro, con l’obiettivo di sostituire un attaccante, Modeste, che aveva segnato 40 gol in due anni. I 17 milioni erano considerati una cifra giusta per un centravanti molto forte fisicamente, capace di giocare come unico punto di riferimento in attacco ma anche in grado di svariare su tutto il fronte d’attacco grazie alla sua rapidità e agilità, bravissimo nel finalizzare le azioni grazie ad un ottimo senso del gol e dotato di grande elevazione. Nella prima stagione, nonostante all’esordio avesse segnato un gran gol contro l’Arsenal, incontrò molte difficoltà e venne più volte fischiato dai suoi tifosi, come tutto il Colonia, che infatti retrocedette. Nonostante l’apparente disastro in termini di storia calcistica, l’anno di purgatorio in Zweite Bundesliga fece del bene sia a Cordoba che al Colonia: il primo segnò 20 gol e finì secondo nella classifica marcatori, dietro al compagno di squadra Terodde (29 gol), mentre il club vinse facilmente il campionato e tornò subito in Bundesliga. Ora Cordoba sembra aver trovato la sua dimensione ideale al Colonia, dove si sta affermando come uno dei migliori attaccanti della Bundesliga: il colombiano ha realizzato 11 gol nelle ultime 15 partite giocate in campionato, numeri importanti che hanno permesso alla sua squadra di allontanarsi dalla zona retrocessione. Adesso, con un contratto in scadenza nel 2021, per il Colonia c’è il rischio che Jhon Cordoba possa diventare una pedina ambita sul mercato. D’altronde le premesse per fare bene in un club ancora più prestigioso ci sono tutte.

 

Foto: Twitter ufficiale Colonia