Ultimo aggiornamento: domenica 28 febbraio 2021 16:15

Infantino: “Il Mondiale a 48 ha solo lati positivi”. Christillin: “Europa da 13 a 16 posti”

11.01.2017 | 15:01

“In un calendario già congestionato la nostra priorità era quella di mantenere i 32 giorni di durata, non volevamo aggiungere date e così è stato fatto. La nazionale vincitrice giocherà al massimo 7 partite, gli stadi in cui si giocherà saranno sempre 12. Dal passaggio a 48 squadre ci sono solo lati positivi”. Queste le parole del presidente della Fifa, Gianni Infantino, sul nuovo Mondiale di calcio che, a partire dal 2026, passerà da un numero di 32 a un numero di 48 nazionali. “Potranno sognare di partecipare al mondiale molte più Nazioni – ha sottolineato il numero uno del calcio mondiale in una intervista trasmessa sul Gr1-. sedici in più parteciperanno alla fase finale e molte altre avranno più possibilità e questo avrà un impatto benefico per la crescita e lo sviluppo del nostro sport sotto il profilo degli investimenti e delle infrastrutture”. Sull’argomento è intervenuta anche Evelina Christillin, membro italiano del Consiglio Fifa, che in un’intervista a “Tutti Convocati” su Radio24 ha affermato: “E’ molto plausibile che l’Europa passi da 13 a 16 posti al Mondiale”.

Foto: Fifa.com