Ultimo aggiornamento: sabato 22 febbraio 2020 13:25

Higuain quello vero: la Juve ha ritrovato una certezza

01.10.2019 | 23:59

Tre punti d’oro e qualche certezza in più per iniziare nel migliore dei modi un mese – quello di ottobre – che può rappresentare un punto di svolta per la stagione della Juve. I bianconeri vincono e convincono, dominano il Bayer Leverkusen in lungo e in largo, trasmettendo dei chiari segnali a Maurizio Sarri. Uno su tutti porta il nome di Gonzalo Higuain: l’argentino allo Stadium a tratti è stato sublime, ha sfornato una prestazione di assoluto spessore come ai vecchi tempi. Contro i tedeschi si è rivisto il vero Pipita, quello che piace a Sarri e che a Napoli era stato in grado di realizzare 36 gol in un solo campionato. Gonzalo sblocca la gara al 17’ del primo tempo con un movimento da manuale del centravanti perfetto: sposta con il piede destro sfruttando lo svarione di Tah e mette la palla nell’angolo basso, imparabile per il portiere. Ma Higuain non è solo il gol: la forma fisica sembra quella dei momenti migliori e la conferma arriva quando svaria su tutto il fronte d’attacco senza fermarsi mai, quando pressa il terzino avversario o quando spazza la propria area su angolo come uno stopper. Ma non è tutto, perché il Pipita va anche vicino al bis personale (solo un grande Hradecky gli nega la gioia della doppietta), poi serve un assist al bacio a Bernardeschi per il momentaneo 2-0. E se Cristiano Ronaldo stranamente non è in serata di grazia (fatta eccezione per il gol del 3-0 che fa diventare il Leverkusen la preda numero 33 nella carriera da record del portoghese), ci pensa un ritrovato Higuain a trascinare l’armata di Sarri, che ora sa di poter (ri)contare su una certezza in più.

 

Foto: Twitter ufficiale Juventus