Ultimo aggiornamento: domenica 07 aprile 2024 22:13

Guendouzi: “Scioccato dall’addio di Sarri. Su Tudor…”

25.03.2024 | 15:02

Il centrocampista della Lazio Matteo Guendouzi, intervistato dal quotidiano francese Le Parisien, ha parlato del suo percorso di crescita nel club laziale, che lo ha portato alla convocazione in nazionale, avvenuta in occasione di questa sosta, e dell’addio dell’ormai ex tecnico dei biancocelesti Maurizio Sarri, esprimendosi contestualmente anche sul suo successore Igor Tudor. Queste le sue parole:

Ho cambiato maglia d’estate e avevo bisogno di adattarmi a un nuovo ambiente e a un nuovo campionato, ma penso che il ritorno in nazionale ricompensi la costanza delle prestazioni nel club. Sapevo che c.t. Deschamps continuava a seguirmi. Me l’ha pure detto e si è complimentato per le mie prestazioni con la Lazio. Ho potuto lavorare con Maurizio Sarri, un grande allenatore, esigente come Emery, Arteta, Sampaoli o Tudor. In sette mesi alla Lazio mi ha fatto crescere molto tatticamente. Prima ero meno disciplinato e avevo la tendenza a correre un po’ ovunque. Ormai so posizionarmi meglio e dosare le forze. Il suo addio? Ne sono stato un po’ sorpreso e scioccato perché ha fatto un gran lavoro, portando la Lazio al secondo posto in uno dei migliori campionati al mondo, arrivando agli ottavi di Champions e in semifinale di coppa Italia. Ma va rispettata la scelta, ha preferito fare un passo indietro perché pensava che fosse meglio per la squadra. Tudor ha fatto cose belle al Marsiglia, anche se nel finale della scorsa stagione fu un po’ complicato per tutti e non siamo riusciti ad arrivare secondi, piazzandoci terzi. Ma Tudor aveva fatto bene anche al Verona e la sua idea di calcio può far danni alle altre squadre di Serie A”.

Foto: Instagram Lazio