Ultimo aggiornamento: lunedi' 04 marzo 2024 00:30

GALLAGHER, SEMPRE PIU’ BLUES

07.10.2023 | 15:00

Il Chelsea sta vivendo ancora una volta una stagione tribolata. I Blues, già reduci da una scorsa annata senza qualificazioni alle Coppa Europee, anche quest’anno sono partiti con il freno a mano tirato in Premier. Sono 8 i punti in classifica, solo due vittorie nelle prime 7 partite. A brillare, però, nella compagine allenata da Pochettino, c’è un giovane centrocmapista, non giovanissimo ormai, ma che poco alla volta ha scalato le proprie gerarchie in mezzo al campo dei Blues.

Parliamo di Conor Gallagher, centrocampista classe 2000, che in stagione ha giocato 9 partite su 9 (comprese le due di Coppa di Lega), guadagnandosi la fiducia di Pochettino. Come detto, Gallagher, 24 anni, calcisticamente è cresciuto nelle Epsom Eagles, nel 2008 entra a far parte del settore giovanile del Chelsea. Dopo aver fatto tutta la trafila con il settore giovanile, scalando le varie categorie, il 29 maggio 2019 riceve la sua prima convocazione in prima squadra in occasione della finale di Europa League vinta per 4-1 contro i rivali cittadini dell’Arsenal, dove pur non scendendo in campo ottiene la medaglia di vincitore della competizione. Pochi giorni dopo vince anche la Uefa Youth League, la Champions League dei giovani, con il Chelsea, consolidando una annata davvero felice. 

Il 2 agosto 2019 rinnova il proprio contratto per tre anni con il Chelsea e viene contestualmente ceduto in prestito semestrale al Charlton debutta tra i professionisti il giorno seguente, nell’incontro di Football League Championship vinto per 2-1 contro il Blackburn, subentrando a Mouhamadou-Naby Sarr al 65º minuto di gioco, mentre una settimana più tardi trova la sua prima rete fissando il punteggio sul definitivo 3-1 contro lo Stoke City. In breve tempo si guadagna un posto da titolare, collezionando ventisei presenze e segnando sei reti nella prima metà di stagione. 

Il 14 gennaio 2020 viene richiamato dal Chelsea, che il giorno seguente lo cede in prestito allo Swansea City fino al termine della stagione.  Nel club gallese si ritaglia da subito un ruolo da protagonista, giocando da titolare tutti e 21 gli incontri fino al termine della stagione, conclusa con la sconfitta in semifinale dei play-off promozione per mano del Brentford. Gallagher, in seguito alle controversie sul suo cambio di casacca a stagione in corso, rivelò tempo dopo che la scelta di effettuare un cambio di squadra a gennaio si rivelò positiva, in quanto ha contribuito a renderlo un calciatore più creativo. Terminato il prestito il 17 settembre 2020 sigla un nuovo accordo con i blues della durata di cinque stagioni  e viene contestualmente ceduto al neo-promosso West Bromwich fino al termine della stagione. Il 19 ottobre seguente debutta in Premier League giocando da titolare l’incontro pareggiato 0-0 contro il Burnley.  Il 28 novembre segna la sua prima rete nella massima divisione inglese, decidendo la sfida casalinga vinta 1-0 contro lo Sheffield Utd.  Il 30 luglio 2021 viene nuovamente ceduto a titolo temporaneo, questa volta al Crystal Palace.
Mette a referto 34 presenze e ben 8 gol in Premier, per una stagione che lo lancia definitivamente nel grande calcio. Infatti il Chelsea, per rinnovare la rosa, stavolta lo richiama e lo inserisce in gruppo dalla stagione 2022-23. Segue una stagione dove all’inizio fatica, ma da dopo il Mondiale, da gennaio, è titolare fisso dei Blues e inamovibile. Colleziona 20 presenze, segnando un solo gol a conclusione della scorsa stagione. Come detto, ha cominciato quella in corso, sempre più con maggiori convinzioni, diventando titolare fisso e inamovibile. Non hga dimostrato nel Chelsea grandi doti realizzative, cosa che magari in passato ha fatto. Gallagher infatti è un mediano che ama attaccare la profondità, mettendo in mostra le proprie abilità in fase offensiva. Lee Bowyer lo ha descritto come un centrocampista in grado di tenere un elevato ritmo per tutta la partita, bravo sia nei tackle sia nei passaggi e quando può, anche in zona gol.

Gioca con la Nazionale inglese. Ha partecipato agli Europei Under-21 del 2021 e il 12 novembre 2021 riceve la sua prima convocazione dalla nazionale inglese, con cui esordisce tre giorni più tardi nel successo per 10-0 contro San Marino. A causa anche di un infortunio, non viene convocato per il Mondiale in Qatar. Ma da marzso scorso, la gara di Qualificazione agli Europei con l’Italia, è titolare fisso della Nazionale dei Tre Leoni.
Prestazioni sempre più in crescendo che hanno indotto il club a riconsiderare anche gli estremi contrattuali, con un rinnovo in arrivo e con un ingaggio adeguato alle qualità di questo ragazzo, che in sordina, è sempre più Blues nel suo destino.

Foto: Instagram personale