Pastore Psg 17-18 Foto sicomfr

Esclusiva: Pastore, accordo totale con la Roma. E vicinissimo con il Psg. Ora Nainggolan…

Javier Pastore ha detto sì alla Roma. In modo totale. Intesa tra l’agente Marcelo Simonian e Monchi, senza alcun tipo di intoppo. Era destino che il trequartista argentino sarebbe tornato prima o poi in Italia, al terzo tentativo siamo ormai a un passo. Lo avrebbe voluto Sabatini proprio in giallorosso, il suo scopritore, ma non c’erano margini. Lo stesso Sabatini che a gennaio aveva cercato di portarlo all’Inter, anche in questo caso senza chance per i noti problemi legati al FPF. Simonian aveva parcheggiato a Milano, Pastore si era esposto. Nulla. Ora la Roma, di nuovo la Roma, fortemente la Roma. Base di intesa per un triennale da 3,5-4 milioni a stagione, più eventuali bonus, dettagli da rifinire. Base di intesa con il Psg che deve cedere in fretta entro il 30 giugno e ha già dato il via libera per Pastore. Il Psg valuta il cartellino tra i 18 e i 20 milioni, ma si può ottenere un minimo sconto. Ricordiamo che l’argentino ha ancora un anno di contratto e trovare l’intesa con lui era il passo più importante, tutto ok. Ora Nainngolan è sempre più libero di andare, con l’Inter in prima fila. E Ziyech resta nella lista giallorossa, come Berardi. Ma per ora precedenza a Pastore. Anzi: accordo con Pastore! E un retroscena che fa la differenza: durante l’incontro parigino di venerdì con un intermediario, pressing West Ham, era stato lo stesso Flaco a chiedere di frenare. Aveva la Roma in testa e ha giocato al rialzo perché il suo ritorno in Italia è sempre più vicino.

Foto: si.com

Archivio: Altro