Ultimo aggiornamento: domenica 12 luglio 2020 10:00

Esclusiva: Leno-Vrsaljko-Badelj-Verdi e non solo. Le ultime Napoli

04.06.2018 | 23:50

Alcune radio napoletane hanno molta… fantasia: spengono le notizie non loro e ne accendono alcune senza la minima traccia. Premesso questo, ecco le ultime sul mercato Napoli. Leno è da almeno quattro giorni in cima alla lista per il ruolo di portiere: ne abbiamo parlato quando davano Rui Patricio in attesa di svolgere addirittura le visite, nulla di tutto questo. Ora De Laurentiis migliorerà l’offerta portandola almeno a 20 milioni più bonus, sullo sfondo resta Areola, ma è una situazione più complicata, lo specialista del Bayer è in pole, aspettando la definizione. Sirigu? Piace molto, ha un anno di contratto e non ha rinnovato, abbiamo già spiegato che potrebbe recuperare posizioni. Oggi precedenza a Leno. Poi il Napoli cercherà un vice, a maggior ragione se Sepe andrà a giocare, una soluzione può essere Sportiello, idea per ora accennata. Sulla fascia destra il sì di Vrsaljko è totale, base di intesa con l’Atletico Madrid da circa 25 milioni e 3 milioni di ingaggio più bonus. Ora dipenderà dalla cessione o meno di Hysaj? Possibile, ma ricordiamo che Vrsaljko può giocare sulle due fasce. Come alternativa, non riscalda – almeno per ora – Bereszynski della Samp. Centrocampo: Badelj ha detto sì, mentre Jorginho è felice di andare al Manchester City e non potrebbe essere diversamente, ma bisogna perfezionare l’operazione. Di centrocampisti ne arriveranno probabilmente due: per ora freddina la pista Torreira, piace sempre molto Fabian Ruiz e i contatti proseguono. Hamisk? Le sue riflessioni… cinesi per il momento sono in stand-by, ma c’è tempo. Esterni offensivi: per Verdi mancano gli aspetti burocratici e l’ultimo sì che coinciderà con la firma, circa 20 milioni di parte fissa al Bologna, bonus fino a 4-5 milioni, quinquennale al diretto interessato. Un altro esterno? Dipenderà molto da Callejon (20 milioni di clausola, nella lista del Milan) o da Martens. E Suso resta un profilo gradito ad Ancelotti, ma bisognerà pazientare.