Dybala Twitter uff Juve

Dybala: “Per la Champions sacrificherei lo scudetto. Ronaldo è una persona normale”

Paulo Dybala ha rilasciato una lunga intervista alla Gazzetta dello Sport. L’attaccante argentino ha toccato vari argomenti, fra cui l’importanza della Champions League: “Per la Champions avrei sacrificato lo scudetto. Oggi la mentalità è sempre la stessa: vincere tutto. Il Real  l’anno scorso non ha dimostrato di essere più forte, avessimo passato il turno, sarebbe cambiato tutto e per me avremmo vinto la Champions. Non c’era una squadra più forte di noi.  La squadra è andata a vincere a Madrid con una cattiveria incredibile. I miei compagni mi hanno raccontato che i giocatori del Real erano in difficoltà, si guardavano tra di loro perché poche volte gli è capitato di prendere tre gol in una situazione del genere. Io penso che quella partita abbia spinto Ronaldo verso la Juventus. Lì ha capito la nostra forza e ha fatto la sua scelta: lui è molto intelligente e vede le cose prima degli altri“.

Il numero dieci bianconero è ormai un veterano di questa squadra: “Quando Barzagli è venuto a darmi la fascia di capitano mi sono detto:Adesso sono uno dei senatori”. Grazie ai compagni ho imparato come si deve parlare agli altri prima di una partita. Buffon, Chiellini, Dani Alves e molti altri in nazionale sono stati grandi maestri, poi devi avere il carattere e la personalità per farti ascoltare. Ora ci sono altri che devono farlo, io devo continuare a imparare. Del Piero parla di me e Mbappé dopo Messi e Ronaldo? Loro sono fuori dalla normalità, il mio obiettivo è essere il primo tra gli umani“.

Un parere poi su Cristiano Ronaldo, suo compagno d’attacco: “Se lo vedi sui social e in tv ti fai un’idea diversa, in realtà lui è come tutti noi. S’allena benis­simo, è concentrato al 100% in ogni allenamento, ma è molto tranquillo, fa scherzi e tratta tutti alla stessa maniera. Prende in giro Cancelo per la lingua, gli dice che parla già l’italiano meglio di lui, e ha cominciato a bere il mate co­me noi sudamericani. Il mio ruolo? Allegri mi dà libertà di muovermi. A seconda dei compagni mi chiede di stare più aperto, fare la mezzala o collegare i reparti. Io cerco di andare a prendere la palla e aiutare i compagni, perché al di là della tattica decidono le giocate. Con Allegri ci confrontiamo, in base a come si mettono gli avversari decidiamo dove posso trovare più spazi. In generale, le difficoltà dell’anno scorso e l’infortunio mi hanno aiutato a maturare: alla Juve ho fatto un balzo in avanti sotto tutti gli aspetti.  Come giocatori mi  piace Isco perché non perde mai la palla, ma anche Neymar e Mbappé sono grandissimi giocatori”.

Infine poi sulla lotta Scudetto: “Troppo presto. Con il Napoli ci sarà battaglia fino alla fine, ma anche la Roma e l’Inter, che stanno facendo bene in Champions, crederanno di più nel loro gioco. Noi però sappiamo che, se vogliamo, lo scudetto sarà ancora nostro“.

 

Foto: Juventus Twitter





Archivio: News