Ultimo aggiornamento: sabato 24 ottobre 2020 00:21

Il Cholito Simeone e Kondogbia, gli antipodi del pomeriggio

25.09.2016 | 17:37

Le gare pomeridiane della sesta giornata di Serie A ci hanno regalato diverse facce da copertina. Fra i top non si può che menzionare in primis Giovanni Simeone: complice l’infortunio da Pavoletti, il Cholito ha bagnato l’esordio da titolare con un preciso sinistro sul quale nulla ha potuto Bizzarri, il portiere di quel Pescara che lo aveva cercato in estate prima che andasse a segno il blitz del Genoa. Peccato per l’attaccante argentino che il suo exploit non sia bastato al Grifone, ridotto in nove uomini, per fare propria l’intera posta in palio: nel finale ci ha pensato un altro enfant prodige del gol, l’albanese Rey Manaj, a regalare il pari agli abruzzesi. Bene anche Keita, che – schierato finalmente dal primo minuto – ha aperto la strada al successo interno della Lazio contro l’Empoli: il modo migliore per mettersi alle spalle la querelle estiva (e contrattuale) con la società. L’altra faccia della medaglia corrisponde all’identikit di Geoffrey Kondogbia, sostituito per scelta tecnica da Frank De Boer al 28’ del primo tempo con Gnoukouri. Una sonora bocciatura per il centrocampista francese classe 1993. I tempi di Siviglia e Monaco sembrano lontanissimi, l’esultanza dell’Inter per aver vinto il dispendioso derby di mercato a Montecarlo contro il Milan, nel giugno del 2015, ancor di più. E in seno alla Beneamata, fermata in casa dal Bologna dopo 3 vittorie consecutive, Kondogbia – già opacissimo la scorsa stagione – è sempre più un caso.