Ultimo aggiornamento: domenica 11 aprile 2021 00:15

Cellino pensa all’addio: “Sono come un ospite sgradito in casa d’altri. Mi aspettavo una città diversa”

17.03.2021 | 19:16

Nonostante l’ottimo momento del Brescia, il patron Massimo Cellino è scontento del trattamento che sta ricevendo nella città lombarda e ha parlato così al Giornale di Brescia: “Mi sento un ospite sgradito in casa d’altri e questo non mi piace. Poi tirate voi le conclusioni. Sono qui per rispetto della magistratura anche se non capisco dove vogliano arrivare, non so cosa vogliano cercare. Sto vivendo nuovamente un incubo dopo i sette anni passati sotto processo a Cagliari.
Se sto pensando all’addio?
Ero convinto di trovare una città diversa, non ci sto più a fare l’ospite sgradito in casa di altri. Di certo non scappo, non mi sono mai sottratto alla giustizia e poi anche se dovessi essere in Alaska e mi chiamassero per arrestarmi tornerei in Italia. Non mi interessano i playoff, voglio salvarmi perché non avrei mai accettato la retrocessione.
Allenatore? Colpa mia, scelsi Clotet al posto di Delneri, ma ero in trattativa per comprare il Birmingham (mantenendo almeno inizialmente anche il Brescia)”.