Ultimo aggiornamento: giovedi' 15 aprile 2021 10:32

Abramovich e i tanti cambi in panchina: “I trofei ottenuti parlano da soli, tutte le mie scelte sono per il bene del Chelsea”

25.03.2021 | 22:22

Roman Abramovich, patron russo del Chelsea, ha parlato del suo rapporto con gli allenatori alla rivista Forbes. Tanti esoneri dal 2003, anno in cui Abramovich è approdato al club londinese: Claudio Ranieri (2003-2004), José Mourinho (2004-2007, poi 2013-2015), Avram Grant (2007-2008), Luiz Felipe Scolari (2008-2009), Carlo Ancelotti ( 2009-2011), André Villas-Boas (2011-2012), Roberto Di Matteo (2012), Antonio Conte (2016-2018) e Frank Lampard (2019-gennaio 2021).
Queste le sue parole, riportate dagli spagnoli di Sport.es: “Credo che i trofei parlano da soli e mostrano tutto ciò che abbiamo ottenuto. Il mio obiettivo è quello di continuare a vincerne e di costruire per il futuro. Il Chelsea ha una storia molto ricca e mi sento fortunato a farne parte. Il club c’era anche prima di me, e ci sarà anche dopo di me, ma il mio lavoro e tutte le mie scelte tendono a raggiungere il massimo risultato”.
I 16 trofei conquistati dal suo arrivo, tra cui anche la Champions League, sembrano dare ragione ad Abramovich.

 

 

Foto: fanatik.com.tr