sito ufficiale Benevento

Sandro: tenacia e forza fisica. Uomo in più per Ballardini

Sandro Raniere Guimarães Cordeiro, per tutti “Sandro“, è un innesto che il presidente Enrico Preziosi ha regalato a Davide Ballardini. Per il centrocampo del Genoa, un profilo come il suo può essere davvero importante, un giocatore abituato a farsi le ossa in mezzo al campo. Sarà per la sua esperienza, con alle spalle top club che hanno davvero creduto in lui, merito dei milioni che ha fatto girare in Premier League. Il brasiliano è diventato un pilastro dell’Internacional di Porto Alegre, quattro anni tra giovanili e prima squadra. Nel 2008 è stato aggiunto alla rosa del club brasiliano e, fino al 2010, ha collezionato 41 presenze e 4 reti. La sua tenacia e la sua fisicità lo hanno fatto finire nei radar degli osservatori del Tottenham che hanno scelto di portarlo a Londra per ben 10  milioni. Il suo primo gol con la maglia degli Spurs è stato pesantissimo, a Stanford Bridge, con un tiro da fuori area ha siglato il vantaggio nella partita persa 2-1 contro il Chelsea. In quattro anni più di 80 match e 4 centri, molte squadre hanno iniziato a muoversi per lui. Il QPR lo ha acquistato per circa 7 milioni e mezzo, ma neanche qui è riuscito a esplodere ed è stato ceduto in prestito al West Bromwich, che però ha scelto di non riscattarlo. Il centrocampista ha bisogno di continuità, a gennaio del 2017 è passato all’Antalyaspor, dove ha giocato 15 partite in mezzo anno, ma la Turchia a quanto pare non fa per lui. È arrivato al Benevento, che ha scelto di puntare su di lui, prestito con obbligo di riscatto fissato a più di 2 milioni. Ha segnato il suo primo gol contro il Crotone, in una bellissima partita vinta dai campani per 3-2.

In Serie A sembra trovarsi davvero bene, un grande habitat per chi cerca lo spirito perduto. A fine anno, però, i giallorossi retrocedono e lui vuole continuare nella massima serie italiana. Il Genoa ha deciso di assicurarsi le prestazioni del brasiliano per la stessa somma pagata dal club di Vigorito, e ora può essere un nome chiave del centrocampo di Ballardini. Particolare importante: il Genoa decide di prenderlo direttamente dal Benevento, evitando il rientro in Turchia che avrebbe comportato un tesseramento da extracomunitario. Sandro è un mediano che deve lottare, ricevere palloni dalla difesa e smistarli, senza riprendere fiato. Se sta bene nessuno può farlo meglio di lui: 188 cm e 80 kg, un armadio da superare che, quando apre le ante, non lascia passare nessuno. Lo ha dimostrato anche in Nazionale, con il Brasile ha vinto la medaglia d’oro nella Coppa America Under 20, con la prima squadra dei verdeoro ha giocato 17 partite, segnando un gol nell’Olimpiadi di Londra 2012, contro la Nuova Zelanda. Per Ballardini può davvero essere l’uomo in più, il centrocampo del Genoa che verrà può aver trovato la chiave che apre tutte le porte. E le casseforti…

Foto: sito Benevento

Archivio: Calciomercato