Ultimo aggiornamento: giovedi' 02 aprile 2020 00:08

MUDRYK ORO VERO: IL PUPILLO DI FONSECA È PRONTO A SPICCARE IL VOLO

26.03.2020 | 14:35

Si chiama Mykhailo Mudryk ed è uno dei talenti più promettenti del calcio ucraino, e non solo. L’ala sinistra classe 2001, di proprietà dello Shakhtar Donetsk, è un pupillo di Paulo Fonseca: fu proprio l’attuale allenatore della Roma a lanciare il giocatore, all’epoca 17enne, nel calcio che conta. Quando era alla guida del club ucraino, il tecnico portoghese inserì Mudryk nel finale del derby di ottavi della coppa d’Ucraina tra Shakhtar e Olimpik Donetsk, ottenendo ottime risposte. E poche settimane dopo, Mykhailo è anche andato in gol con durante la partita amichevole dello Shakhtar contro gli azeri del Qarabag. Mudryk è poi tornato in Primavera e quest’anno ha brillato in Youth League, trovando spazio anche in prima squadra. Fonseca non l’ha mai perso di vista, al punto che i vari rumors dei giorni scorsi parlano di un interessamento della Roma (ma anche di altre società) per il gioiellino ucraino in vista dell’estate. Andiamo a scoprire qualcosa in più su di lui.

Nato il 5 gennaio del 2001 a Krasnograd, nella regione di Kharkiv, Mykhailo Mudryk è cresciuto e si è affermato nelle giovanili dello Shakhtar Donetsk. L’ucraino è il prototipo del calciatore offensivo moderno: dalla cintola in su può giocare un po’ ovunque, trequartista, ala sinistra, ala destra e anche centrocampista centrale all’occorrenza. E’ un piede destro che ama convergere verso il centro e provare il fraseggio o il tiro in porta, ecco perché predilige destreggiarsi sulla corsia mancina nel reparto avanzato. Dotato di una straordinaria velocità palla al piede, Mudryk possiede una grande tecnica di base, un controllo di palla orientato e una spiccata capacità nell’uno contro uno. Caratteristiche che lo rendono una costante minaccia per le difese avversarie, spesso messe in ginocchio dalla sua imprevedibilità e creatività. Lo Shakhtar sa bene di avere in casa un gioiello d’oro purissimo e proverà a trattenerlo con le unghie e con i denti, ma Mudryk sembra destinato a spiccare presto il volo verso lidi più prestigiosi.

Foto: Twitter ufficiale Shakhtar