Ultimo aggiornamento: domenica 11 aprile 2021 22:54

Haaland: “Che ricordi la tripletta all’esordio. Non penso ai record, ma solo a fare il mio lavoro: segnare”

17.02.2021 | 18:53

Erling Haaland e il suo rapporto con la Champions League. Il centravanti norvegese ne ha parlato nel corso di una lunga intervista rilasciata al sito UEFA.com: “Il mio sogno è sempre stato quello di giocare in Champions League, e quando sono andato a Salisburgo, sapevo che se avessimo vinto il campionato ci saremmo qualificati direttamente in Champions League. Lo sapevo da molto tempo, e quando finalmente è successo mi sono detto: “Ok, questo sarà il mio anno” con il Salisburgo”.

La Tripletta dell’esordio: “L’intero club si stava preparando ed eravamo tutti concentrati al massimo per questo esordio in Champions League e io fremevo per l’attesa. Nei miei sogni naturalmente immaginavo di segnare al mio debutto. Immaginavo quanto sarebbe stato bello, e poi è andata così: 100 secondi e… gol! E lo stadio è esploso, quindi sì, è stato un debutto incredibile. Sono stati dei giorni incredibili”.

Con gli otto gol segnati in Champions League ha infranto due importanti record: primo teenager a segnare in cinque partite consecutive, e il primo calciatore a segnare otto gol nelle sue prime cinque partite: “A essere onesti, non avevo idea di questi record prima d’allora. Dopo il mio esordio ho solo provato a continuare su quella strada. Ho solo provato a fare il mio lavoro, e il mio lavoro è fare gol”.

Se quando si sente in forma, si aspetti di segnare ogni volta: “Sì, ma non è questo il mio approccio alle partite. Scendo in campo cercando di fare tutte le altre cose bene, e se faccio tutte queste cose molto bene, se mi posiziono bene, se faccio bene questo e faccio bene quello, so che i gol arriveranno. Quindi se sono completamente concentrato, e concentrato nel fare le cose giuste, i gol arrivano”.

 

 

Foto: Twitter B.Dortmund