close
News
p17aem1kpv1lccu4t9mf7191o453

Lucescu: “Zeman è un grande lottatore”

Queste le parole di Mircea Lucescu rilasciate a radio ies e riportate da vocegiallorossa.it

Zeman?
“L’ho incontrato quando ero a Brescia negli anni ’90. Ho sempre avuto una grande stima per lui, per quello che ha fatto e per la sua esperienza. E’ un lottatore che ha sempre saputo raddrizzare la baracca. Riuscire a rimanere 20 anni al top del campionato italiano è difficile, pochi ci sono riusciti tranne lui, me ed Eriksson. So che lo scorso anno ha fatto molto bene portando il Pescara in A, poi l’ho visto contro la Juventus e non mi è piaciuto, perché ha dato troppo spazio alla squadra di Conte”.

Sul campionato italiano?
“E’ un momento difficile, sono troppo concentrati sul campionato e non pensano all’Europa. L’immagine all’estero te la dà quello che fai in Champions ed Europa League. C’è troppa attenzione sulla lotta per lo scudetto. Ieri ho visto il Napoli e non puoi andare a giocare in Europa League pensando di non utilizzare i giocatori più importanti”, ha dichiarato in uno stralcio di un’intervista rilasciata a Radio Ies, durante la trasmissione La città nel pallone.

Totti?
“Ha una grande esperienza, ma gli anni passano. Ha iniziato a giocare a 18 anni, ora deve avere una squadra che può lottare e correre per lui”.

Quanto è cambiato il calcio italiano?
“E’ difficile comparare i due momenti. Oggi a comandare sono gli agenti e i procuratori che sono entrati nella testa dei giocatori che hanno perso concentrazione, impegno e rispetto per gli altri. Il calcio italiano ha perso su questo, non sulla preparazione e i suoi metodi. Queste sono cose che non cambiano mai”.

Sulla sudditanza psicologica?
“Quando ero a Brescia dopo due partite siamo arrivati al 2 posto, poi abbiamo cominciato giocare sempre in inferiorità numerica, perché eravamo una squadra che non contava tanto. In Italia ho conosciuto la sudditanza psicologia, ma era un altro momento, oggi il campionato italiano è più corretto”.

Sul calcioscommesse?
“Mi dispiace per le persone che sono rimaste coinvolte”.

Contatti con la Roma?
“No, non ci sono mai stati né contatti, né possibilità. A me piacciono queste squadre come lo Shakhtar: anche a Brescia rimasi un bel po’, ma Corioni vendeva sempre e ogni anno bisognava ricominciare. A me non interessa quello che faccio, ma quello che mi lascio dietro”.

Sugli stadi?
“Rinnovarli è una cosa molto importante e che influisce sulla squadra: con stadi così, difficilmente si perdono punti in casa. Da quando giochiamo nel nuovo stadio, noi abbiamo perso 3 partite in casa. Quando qualche anno fa abbiamo giocato con la Roma, avevamo pochissimi spettatori, ora giochiamo con 50.000 spettatori di media. E’ molto importante, soprattutto per i giocatori”.

Commenti

Archivio: News

Pedullà in tv o radio

Prossima trasmissione


Programma
Calcio € Mercato
Canale
Sportitalia - canale 60 DT e 225 SKY
Data
dal mar. al ven. alle 23.00

Programma
Iped
Canale
Sportitalia - canale 60 DT e 225 SKY
Data
giovedì e venerdì alle 24.00

Programma
Canale
Data