close
News
p176r1mhfll3stmi193hoq51kr3

Ag. Borini: “Annata meravigliosa per Fabio a Roma”

 

Marco De Marchi, agente del centravanti in forza al Liverpool Fabio Borini, ha rilasciato un’intervista alla redazione di romanews.eu in merito all’esperienza inglese dell’ex attaccante giallorosso, tra i maggiori protagonisti della squadra allenata da Luis Enrique:

Sono passati due mesi dal passaggio del suo assistito a Liverpool e, nonostante un solo goal messo a segno (nel preliminare di Europa League contro il Gomel), la curva Kop si è già innamorata della sua grinta.
“Fabio si è ambientato subito. Tra l’altro c’era già stato in Inghilterra e conosceva già l’atmosfera e l’ambiente della Premier League”.

La stessa grinta gli aveva permesso di emergere lo scorso anno, facendo appassionare tifosi e tecnici, tanto che alla fine Borini risultò essere uno dei più positivi tra i giallorossi. Molti lo consideravano un giocatore ideale per il gioco di Zeman, è stato un peccato non vederlo sotto la guida del boemo?
“A volte ci sono altre situazioni che vanno analizzate. Adesso è inutile parlare di quello che sarebbe potuto essere. Fabio ha sempre mostrato di metterci il massimo impegno e penso che ci sia anche riuscito. Il calcio non si fa con i se e con i ma, adesso lui ha girato pagina e di conseguenza guardiamo sempre avanti. Ad ogni modo, lui ha passato un’annata veramente meravigliosa a Roma, sotto qualsiasi aspetto, peccato che la squadra poi abbia avuto degli alti e bassi. Quello che ci tengo a dire, ma che del resto è anche superfluo sottolineare, è che alla fine si guardano i risultati sul campo. Fabio ci ha messo anima e cuore, in tutto e per tutto, a volte riuscendoci bene, altre meno bene ma l’impegno, che è una delle sue qualità peculiari, c’è sempre stato. A Roma ha passato un anno straordinario e lo ha ripetuto anche lui diverse volte”.

Quanto ha inciso il richiamo del suo maestro Brendan Rodgers?
“Ci sono state una serie di evoluzioni ad un certo punto della trattativa e si è preso in considerazione anche questo aspetto, sicuramente ha avuto la sua percentuale. Dopo aver valutato il tutto a 360° con la Roma che ci ha prospettato questa cosa, alla fine si è deciso di andare a Liverpool”.

Capitolo nazionale: per un italiano all’estero è sempre difficile restare in contatto con la maglia azzurra. Il ct Prandelli ha dimostrato comunque di tenere in considerazione il giocatore, ma non teme che la lontananza dall’Italia, a lungo andare, potrebbe essere un fattore penalizzante?
“Rispondo con una battuta: visto che Liverpool e Manchester non sono lontanissime, sono distanti 40 km tra loro, quando mister Prandelli va a vedere Balotelli gli consiglio di allungarsi anche verso Liverpool…Al di là della battute, credo che ormai non si possa più parlare di estero o di Italia. Ormai il calcio è diventato globale, senza frontiere. Oltretutto il campionato inglese è uno dei più difficili e competitivi, un test molto importante. Tutto dipende dai giocatori che giocano all’estero, non tanto da dove giocano. Se un giocatore fa bene, viene sicuramente notato, a prescindere dal campionato di militanza”.

Commenti

Archivio: News

Pedullà in tv o radio

Prossima trasmissione


Programma
Calcio € Mercato
Canale
Sportitalia - canale 60 DT e 225 SKY
Data
dal mar. al ven. alle 23.00

Programma
Iped
Canale
Sportitalia - canale 60 DT e 225 SKY
Data
giovedì e venerdì alle 24.00

Programma
Canale
Data