Ultimo aggiornamento: lunedi' 01 marzo 2021 00:22

Verso Juve-Real – La differenza del monte ingaggi: vince Florentino 217 a 145

03.06.2017 | 13:00

Il countdown prosegue e ci si avvicina sempre più alle 20.45 di sabato sera, quando al National Stadium of Wales di Cardiff (o Millennium Stadium, che dir si voglia) verrà battuto il calcio d’inizio di Juventus-Real Madrid, la finale di Champions League, l’appuntamento calcistico più importante dell’anno chiamato a chiudere la stagione agonistica. Una sogna il Triplete e finora l’ha vinta appena due volte, l’ultima 21 anni fa, a dispetto dello strapotere storico all’interno dei confini nazionali, l’altra di Coppe dei Campioni invece ne ha levate al cielo ben undici e va alla ricerca del bis, leggasi secondo trionfo consecutivo, mai riuscito a nessuna squadra dall’introduzione del nuovo format.

Dybala e Agnelli rinnovo 2022 Juventus Twitter

Se la mettiamo sul piano economico, la potenza di fuoco del Real è di molto maggiore. Per quanto riguarda il monte ingaggi, premettiamo che il totale per le società il totale è indicato al lordo, considerando quindi oneri fiscali e contributi, mentre gli stipendi dei giocatori sono al netto, bonus esclusi. Sommando i singoli ingaggi, pertanto, si otterrà quindi una cifra vicina alla metà dell’ammontare complessivo a carico dei club, fermo restando che nel riepilogo di cui in calce non sono compresi gli emolumenti percepiti da elementi molto giovani o attualmente in prestito, c’è invece quello del fuori rosa De Ceglie. Lo scorso settembre l’annuale report de La Gazzetta dello Sport attribuiva alla Juventus un monte ingaggi da 145 milioni lordi, ma in questi mesi vi sono state delle novità: la cessione di Evra e l’avvicendamento in mediana tra Hernanes e Rincon ha consentito uno sgravio di circa 4 milioni lordi, in compenso sono stati ufficializzati i rinnovi di Bonucci, Rugani, Sturaro, Lichtsteiner, Dybala e Mandukic (tutti indicati con apposito asterisco* nello specchietto sottostante). Non è dato conoscere gli aspetti strettamente interni, nella fattispecie da quando scatteranno gli adeguamenti (solo l’esperto esterno svizzero ha mantenuto l’ingaggio precedente), ma rispetto alla cifra iniziale va aggiunto qualche milione nel monte. Volendo fare i conti in tasca alla Signora, il tetto è rappresentato dai 7,5 milioni di Gonzalo Higuain, il più pagato della rosa davanti a Dybala, Bonucci, PjanicBuffonKhedira e Mandzukic.

ronaldo

Venendo ai blancos, il monte ingaggi iniziale era quantificabile in circa 217 milioni lordi, ma i pesantissimi rinnovi concretizzatisi a stagione in corso (Ronaldo, Bale, Modric e Kroos, oltre a quello “leggero” di Lucas Vazquez) hanno fatto lievitare la cifra di altri 31,6 milioni e a breve arriverà anche l’agognato prolungamento di Isco; soltanto Odegaard in uscita, ceduto a gennaio in prestito per 18 mesi all’Heerenveen, mentre la controversa questione Lucas Silva fa storia a sé. Nel complesso se ne ricava che il Real destina agli stipendi della prima squadra circa 100 milioni lordi in più della Juve, un gap proporzionale – come vedremo – a quello esistente tra i fatturati. Naturalmente è Cristiano Ronaldo il più retribuito: il fuoriclasse portoghese, con la sottoscrizione del prolungamento fino al 2021, è passato da 17 a 21 milioni netti. Alle sue spalle Gareth Bale: anche per il gallese un upgrade da 11 a 15 milioni. I due crack sono seguiti nell’ordine da Sergio Ramos, Kroos, Benzema e Modric.

JUVENTUS 

Higuain 7,5 milioni; Pjanic 4,5;  Buffon 4;  Khedira 4; Chiellini 3,5; Bonucci* 3,5 (->5); Mandzukic* 3,5 (->4); Marchisio 3,5; Dani Alves 3,5; Cuadrado 3; Dybala* 3 (->7); Alex Sandro 2,8; Benatia 2,8; Lichtsteiner* 2,8; Barzagli 2,5; Neto 2; Pjaca 1,8; De Ceglie 1,7; Sturaro* 1,5 (->1,7); Asamoah 1,6; Rincon 1,2; Lemina 1,2; Rugani* 1 (->1,2);  Mattiello 0,4; Audero 0,25; Mandragora 0,2.

REAL MADRID

Ronaldo* 17 milioni (->21); Bale* 11 (->15); Sergio Ramos 10; Benzema 8; James Rodriguez 6; Morata 6; Kroos* 6 (->10); Marcelo 5; Modric* 4,5 (->8); Keylor Navas 3,8; Pepe 3,8; Casemiro 3; Carvajal 3; Varane 2,8; Danilo 2,5; Coentrao 2,5; Kovacic 2,4; Isco 2; Nacho 1,5; Marco Asensio 1,5; Kiko Casilla 1,2; Lucas Vazquez* 1 (->1,3); Mariano 1; Yanez 0,5.

*cifre precedenti ai rinnovi, tra parentesi i nuovi importi

 

Non c’è storia nemmeno avuto riguardo alla parolina magica fatturato. È vero che il Real Madrid, per la prima volta dopo 11 anni di fila, dovrebbe perdere – secondo la tradizionale analisi di Deloitte – il primato mondiale, a beneficio del Manchester United. Ma è anche vero che comunque il confronto con il club bianconero non regge. I numeri ufficiali, quelli certificati, certificano una superiorità evidente delle Merenegues, che hanno chiuso la stagione 2015-16 con 630,9 milioni di fatturato, in leggero calo rispetto alla precedente da record (660,6 milioni). Al 30 giugno del 2016, ultimo bilancio approvato, la Juventus, che in Italia guida per distacco la speciale classifica, aveva invece totalizzato ricavi per 387,9 milioni (record assoluto della società) e quest’anno dovrebbe serenamente sfondare il muro dei 400. Una crescita progressiva e dirompente: basti pensare che nel 2011, ai tempi dell’ultima stagione senza vittorie (la prima della gestione Andrea Agnelli), il fatturato ammontava a 153,9 milioni. Continuità in Champions (con allegati), diritti tv maggiormente remunerativi, introiti derivanti dallo stadio di proprietà e sviluppo commerciale del brand in  crescita: ecco la ricetta del successo bianconero, sebbene gli standard delle corazzate europee siano ancora distanti. Nell’epoca dei social network, un dato può essere utile per afferrare immediatamente il differente peso dei due marchi a livello mondiale: la Juventus su Facebook conta 28 milioni di fans, il Real Madrid quasi 103 milioni.

REAL MADRID

2015/2016 – fatturato 630,9 milioni

2014/2015 – fatturato 660,6 milioni

2013/2014 – fatturato 603,9 milioni

2012/2013 – fatturato 520,9  milioni

2011/2012 – fatturato 514 milioni

2010/2011 – fatturato 480,1  milioni

 

JUVENTUS

30 giugno 2016 – fatturato 387,9 milioni

30 giugno 2015 – fatturato 323,9 milioni

30 giugno 2014 – fatturato 279,4 milioni

30 giugno 2013 – fatturato 272,4  milioni

30 giugno 2012 – fatturato 195,4  milioni

30 giugno 2011 – fatturato 153,9  milioni

Jody Colletti

 

Foto: Twitter Juventus e Real Madrid