Ultimo aggiornamento: venerdi' 18 ottobre 2019 19:15

Triestina, ecco Sannino: “Da qui si può ripartire e fare grandi cose”

28.06.2017 | 15:34

Sannino

Tutto confermato. Giuseppe Sannino è il nuovo allenatore della Triestina che riparte dalla Lega Pro. Contratto biennale, come vi avevamo anticipato. Queste le prime dichiarazioni ufficiali del tecnico alla stampa nel giorno della sua presentazione ufficiale: “Ero già stato qui da avversario, dentro di me è scattato subito qualcosa. Una società così, uno stadio così e una piazza del genere, da qui si può ripartire e fare grandi cose – riporta Trivenetogoal.it -. Ci siamo sentiti in tempi non sospetti. Io sono partito con Mauro, poi sono arrivato in alto, Trieste non è un ripiego ma una prima scelta. Per me Trieste è la prima scelta, so che sarà un campionato difficile. Sono felice di essere qui, spero di esserlo alla fine. La nostra vita è fatta di maree, di alte e di basse, sono partito dal basso, all’improvviso mi sono trovato in Serie A, mi trovo di nuovo a ricominciare con tanta voglia e Trieste è la piazza giusta per farlo. Siena, Palermo, Watford, Catania, Salerno, Carpi e Salerno. C’è stato un periodo difficile, ci sono le basse maree. Perché ho dato così tante volte le dimissioni? Credo che si siano persi i valori, piuttosto che convivere con persone con cui non c’è più feeling e a cui non puoi dare nulla non porti a niente. Preferisco lasciare lì i soldi. Quando una cosa finisce è finita, mi auguro di poter fare qualcosa d’importante qui a Trieste. Non sono ruffiano, io guardo negli occhi i miei interlocutori, dal primo all’ultimo e do rispetto a tutti. Sono una persona nitida e chiara, mi piacerebbe un rapporto che sia comune a tutti. Mauro ha fatto qualcosa di straordinario, so quello che posso dare io. Vorrei gente con fame e voglia di fare, vedo giocatori che baciano le maglie e l’anno dopo ne baciano un altro, vorrei gente che abbia voglia di fare e di fare un calcio importante. Io credo che si siano un po’ persi certi valori, voglio che prima di tutto siano loro i protagonisti, il mercato sarà lungo e bisognerà avere pazienza”.

Foto: Standard