Ultimo aggiornamento: martedi' 15 giugno 2021 00:58

THORSTVEDT E IL SALTO TRIPLO

22.05.2021 | 13:24

In Belgio il titolo è stato vinto dal Club Brugge con una giornata d’anticipo, ma il Genk non ha mollato fino all’ultimo. Giovedì si giocava la penultima e col 4-0 rifilato all’Anversa i biancoazzurri hanno provato, anche se invano, a mettere pressione ai rivali. In caso di passo falso del Brugge ci si sarebbe giocato tutto all’ultima con uno scontro diretto con in palio il titolo. I primi tre dei quattro gol segnati all’Anversa portano la firma di Kristian Thorstvedt, ’99 già nel giro della Nazionale maggiore, un talento che si sta mettendo in mostra sempre più.

Kristian Thorstvedt nasce il 13 marzo del 1999 a Stavanger, Norvegia. Muove i primi passi nel mondo del calcio nelle giovanili del Viking, per poi entrare in quelle dello Stabæk. Nel febbraio 2018 rientra al Viking, per giocare in prima squadra, militante in Obos Ligaen e nella stagione registra 24 presenze e 9 centri. Il Viking sale in Eliteserien e ci rimane solo per la prima parte della stagione, dove in 26 partite segna ben 10 gol, poi viene notato e portato in Belgio dal Genk per una cifra vicina al milione di euro. Thorstvedt ha rappresentato la Norvegia a livello Under 19, Under 20 e Under 21. Vanta tre presenze e un gol in Nazionale maggiore, esordio arrivato sotto il CT Leif Gunnar Smeirud.
Parliamo di un centrocampista centrale di piede mancino, dotato di lunghe leve, 189 cm per 79 kg, abile a farsi trovare presente in zona gol e dotato delle caratteristiche del centrocampista moderno.
In carriera ha vinto una Coppa di Norvegia con il Viking nel 2019 e la Coppa di Belgio nel 2021 col Genk, trofeo nel quale non è passato inosservato per i festeggiamenti, presentandosi ai microfoni dei giornalisti senza maglia e completamente ubriaco.
E’ un talento destinato a palcoscenici più importanti della Jupiler Pro League, ma da buon scandinavo deve rimanere freddo e paziente ad aspettare il grande salto, anzi, dopo la tripletta ottenuta in settimana, possiamo parlare di salto triplo.

Foto: Instagram personale Thorstvedt