News
Tavecchio Foto sito ufficiale Figc

Tavecchio: “Sono fermo nonostante tanti traguardi raggiunti. Sul calcio attuale…”

Carlo Tavecchio, ex presidente della FIGC, si è espresso ai microfoni del Corriere dello Sport: “Abbiamo quattro club in Champions, 4 gare a Euro 2020 che si svolgeranno a Roma (meglio di Parigi), in Italia si giocherà l’Europeo Under21, 2 pedine nella FIFA e in UEFA, il VAR e dei fondi in FIGC: nonostante questo sono fermo. Il calcio del presente è dormiente e irregolare. Due mesi e mezzo dopo la fine del campionato di B, è stato annullato ciò che era stato dichiarato al 31 di maggio. Hanno calpestato tutte le norme. Assurdo. Cosa succederà il 22 ottobre? Spero che coloro che detengono il 73% del peso elettorale in FIGC abbiano capito che è tempo di esprimere un presidente credibile. Malagò? Se non ci sarà un nuovo presidente il prossimo 22 ottobre, il Governo dovrà intervenire per nominare un commissario del commissario. Una figura ‘sovrafederale’ in grado di cambiare il calcio nel giro di 2 anni. Cosa farei sei fossi ancora presidente? Congelerei tutto e avvierei la riforma dei campionati. Lotito? Meritava di diventare vice presidente vicario ma gli dissi che se fosse stato nominato, l’indomani saremmo morti in due. La deriva della Nazionale? La sera prima della Svezia dissi: sapete quanti napoletani ci saranno a San Siro? 30mila e tutti vorranno vedere Insigne. Non giocò. La scelta del ct non è stata solo mia. Lippi stava diventando direttore tecnico e quella fu la sua proposta. Poi ci fu il caso dell’incompatibilità del ruolo visto che il figlio è agente e Lippi saltò”.

Foto: Figc

Archivio: News