Ultimo aggiornamento: venerdi' 04 dicembre 2020 19:16

SOLER, TRE RIGORI SEGNATI AL REAL MADRID PER LA SVOLTA VALENCIA

10.11.2020 | 15:00

Carlos Soler

Dopo due vittorie in Liga, tra cui una nel clasico con il Barcellona al Camp Nou, e quella sull’Inter in Champions League, il Real Madrid torna sulla terra, venendo travolto al Mestalla dal Valencia per 4-1. Un ko pesante, frutto di una partita storta per gli uomini di Zidane.

Protagonista assoluto della serata di domenica, il centrocampista del Valencia, Carlos Soler. Il giocatore (classe 1997) ha realizzato una tripletta particolare, ovvero, tre gol su tre calci di rigore. Uno score perfetto per lui che in ogni caso, non è ai sui primi gol contro il Real. Soler, infatti, quando vede la “camiceta” blanca delle merengues si trasforma come un toro che vede rosso (giusto per restare in tema spagnolo). Il centrocampista è già al quinto gol contro il Real Madrid e sono stati tutti gol molto pesanti: il primo, arrivato nella stagione 2018-19, che valse il 2-2 al Bernabeu ai suoi, il secondo la scorsa stagione nell’1-1 al Mestalla.

Domenica sera la serata perfetta di Soler e del Valencia, che avevano iniziato la Liga in modo sciagurato, con soli 8 punti in 8 gare, prima della vittoria con gli uomini di Zidane.

Una serata pazzesca, anche per la sua unicità: il Real Madrid non subiva un rigore contro da oltre un anno, figuriamocene 3 in una gara sola, non era mai accaduto. Lo stesso Valencia non aveva mai avuto a favore 3 rigori in una sola gara di Liga e per Soler, ovviamente, prima tripletta in carriera. Serata delle prime volte, quindi, davvero perfetta per i vincitori, amara per i vinti.

Il classe 1997 è un prodotto del vivaio del Valencia. Ha iniziato nel 2005 a giocare con le giovanili, militando fino al 2015, quando ha esordito in prima squadra. Da allora, 102 presenze e 8 gol in Liga, di cui 5 al Real Madrid e 3 domenica scorsa. 

Una curiosità, nel 2015, il Real Madrid stava per prenderlo dalla “cantera” del Valencia. Aveva 18 anni ed era fra le stelle della Youth League (la Champions dei giovani). Soler avrebbe dovuto prendere il posto di Marcos Llorente al Castiglia. Quest’ultimo si era già accordato con l’Alaves (poi passato all’Atletico) e il Real vedeva in Soler le stesse caratteristiche: forza, versatilità e un’ educazione sportiva esemplare. Poi non se ne fece più nulla e da allora Soler è diventato un vero e proprio spauracchio per i madrileni.

Infine, Soler vanta 20 presenze e 4 gol con l’Under 21 spagnola, con cui ha vinto l’oro agli Europei in Italia nel 2019 e l’argento negli Europei in Polonia del 2017.

Foto: Daily Star