Ultimo aggiornamento: sabato 08 maggio 2021 00:20

SOLDADO, IL GOL NON HA ETÀ

23.04.2021 | 12:55

Netto successo del Granada sull’Eibar, ieri sera è finita 4-1 all’Estadio Nuevo Los Cármenes la gara valida per la 31a giornata di Liga.
Sugli scudi, il sempreverde Roberto Soldado, autore di una doppietta, Puertas e Kenedy hanno firmato le altre due reti per gli andalusi. Il bomber iberico riesce ancora a regalare gioie ai suoi tifosi, sembra non temere affatto il principale nemico di tutti i calciatori: l’età che avanza.

Roberto Soldado nasce a Valencia il 27 maggio dell’1985, è un attaccante centrale in forza al Granada.
Arriva al Real Madrid all’età di 15 anni dal Club Deportivo Don Bosco, dopo alcune stagioni molto prolifiche con la seconda squadra del Real, il Real Madrid Castilla, fa il suo debutto in Liga con la prima squadra il 23 ottobre 2005, contro il Valencia, giocando 18 minuti. Precedentemente, il 28 settembre, aveva segnato in Champions League giocando solo 6 minuti contro l’Olympiacos.
Nella stagione 2005-2006, Soldado mette a segno 19 reti nella Segunda División con la maglia del Castilla, diventando il secondo miglior marcatore della stagione. Nel luglio del 2006 lascia il Real Madrid per trascorrere una stagione in prestito all’Osasuna; concluderà la stagione con un totale di 15 gol ed essendo il miglior marcatore del club.
Al suo ritorno a Madrid, l’11 luglio 2007, rinnova il suo contratto con i Blancos fino al 30 giugno del 2012, ma nel luglio successivo, Soldado viene ceduto al Getafe per 4 milioni di euro, firmando per 4 anni.
Diventa presto il miglior marcatore della storia del Getafe in prima divisione, sorpassando Manu del Moral e Daniel Güiza e aiuta il club a raggiungere la qualificazione in Europa League.
Il 10 giugno 2010 Soldado ritorna nella sua città natale e firma per il Valencia che lo acquista per 10 milioni di euro, andando a prendere il posto lasciato libero da David Villa, trasferitosi al Barcellona. Segna numerose triplette e chiude la sua avventura a Valencia con 59 centri in 101 partite giocate.
Nell’agosto del 2013 viene acquistato dal Tottenham, che paga la sua clausola rescissoria da 30 milioni di euro.
L’esperienza in Premier League parte bene, con 11 gol in 36 presenze nella prima annata, poi arriva l’esplosione di Harry Kane e lo spagnolo diventa la sua riserva.
Il 14 agosto 2015 torna in Spagna e viene acquistato per circa 15 milioni di euro dal Villarreal, con cui firma un contratto triennale. Un infortunio al legamento crociato lo costringe a sei mesi di stop, il ritorno al gol arriva dopo quasi un anno contro l’Osasuna.
Nell’estate del 2017 passa al Fenerbahçe per circa 5 milioni di euro, dal quale si svincola ed il 15 luglio 2019 firma col Granada.
Soldado ha rappresentato la Spagna a tutti i suoi livelli, segnando un totale di 33 reti, dall’Under 15 alla Nazionale maggiore.Roberto Soldado, oggi 35enne, ha portato al Granada tanta esperienza e quel fiuto del gol che non ha età. L’approdo ai quarti di finale di Europa League testimonia i grandi passi in avanti che ha fatto il club andaluso: il Napoli ne sa qualcosa, eliminato ai sedicesimi proprio dagli uomini di Martinez.

Foto: Twitter personale Soldado