Ultimo aggiornamento: domenica 09 agosto 2020 00:36

Simoncino e Mastro Maran: quando contano le idee e non si alza fumo

02.10.2016 | 00:12

Ci fa sorridere quando ascoltiamo i distruttori in servizio permanente effettivo sentenziare che “la serie A è scarsa, troppo scarsa”. Per tornare ai livelli di anni e anni fa occorre pazienza, ma nel frattempo più che distruggere sempre sarebbe il caso di ammirare chi lavora e basta. Portando idee più risultati, mica è poco. Ci sono due nomination da seguire con attenzione: Simoncino in sella alla Lazio e mastro Maran che sta regalando grosse soddisfazioni al Chievo. Simoncino Inzaghi ha rilevato la Lazio quasi come fosse un riempitivo, alle spalle lo stucchevole tormentone Bielsa. Poi gli hanno dato carta bianca, non lo hanno fanno sentire l’ultima ruota del carro e la Lazio va che è una bellezza: non parliamo dei 13 punti in classifica, bottino comunque considerevole, ma delle scelte fatte, dei giovani lanciati, di una squadra sta crescendo a dismisura. Alla stessa quota c’è Rolli Maran, uno che da almeno due o tre anni sta dimostrando la sua bravura. Anche quando perde il Chievo lo fa cadendo in piedi, vedi recentemente a Napoli. E perde così poco che quando vince, spesso, esprime il meglio del repertorio. Un calcio moderno, modernissimo, figlio di mastro Maran. Cerchiamo di accorgercene, ne vale la pena.

Foto: Twitter Lazio e sito ufficiale Chievo