Ultimo aggiornamento: giovedi' 17 ottobre 2019 17:14

Sarri a Firenze: la prima volta vera, cercando la sua Juve

13.09.2019 | 23:53

È stata un’estate difficile, complicata e delicata per Maurizio Sarri. I problemi personali, la polmonite ormai alle spalle, la necessità di spezzettare il lavoro proprio nel periodo che lui ama di più: quello della preparazione. Quando il 4-3-3 entra in cantiere e a forza di provare e riprovare deve essere modellato per sprigionare il marchio di fabbrica. Come se non bastasse, la storia degli esuberi ha creato piccoli problemi e inevitabili tensioni. Lui si è presentato in conferenza mettendoci un colpo di spugna, comprendendo la reazione di Emre Can, non perdendosi in chiacchiere perché a lui interessa soltanto il campo. E chi dice che non si è ancora vista la mano di Sarri evidentemente ne mastica poco e parla tanto per sprecare fiato e inchiostro: dopo tutto quello che è accaduto sarebbe stato impossibile, lo avrebbe intuito anche un bambino di 5 anni. Sarri a Firenze per la prima volta vera di Juve, dopo aver memorizzato un’ora eccellente contro il Napoli. Sarri a Firenze contro in club che apprezza e che magari un giorno o l’altro, chissà quando, allenerà. Sarri a Firenze, cercando la sua Juve, con il tempo che non basta mai e con le ambizioni che crescono a dismisura.

Foto: Juventus Twitter