Ultimo aggiornamento: venerdi' 07 agosto 2020 20:21

SARR, “LE PETIT MALDINI” CHE PIACE AL TORINO: FISICITA’ E VELOCITA’ IL SUO MARCHIO DI FABBRICA

13.07.2020 | 14:45

Dalla Francia all’Italia il passo può essere breve, o meglio da Nizza a Torino. Sul giovane Malang Sarr, difensore classe 1999 del Nizza, negli ultimi giorni è piombato forte l’interesse del Torino che ha manifestato interesse per il centrale di origine senegalese. Il giovane calciatore, con una carriera molto breve vista la sua carta d’identità, è finito alla ribalta internazionale dopo aver giocato da protagonista con il Nizza al centro della difesa e con la fascia da capitano.

Alto 185cm, nasce dapprima come terzino, ma vista la fisicità del ragazzo contornata da forza e velocità, si è spostato al centro della difesa diventando un punto centrale dei rossoneri tanto da superare le 100 presenze ad appena 21 anni. Soprannominato il “piccolo Maldini” in Francia, è stato bravo a non farsi condizionare dalle voci piene di pressione. Con uno slancio imponente al centro dell’area di rigore, Sarr è considerato uno dei migliori difensori centrali in prospettiva, così da rientrare anche nella prestigiosa lista del “The Guardian” che l’ha inserito nei 60 calciatori classe 1999 più promettenti del mondo.

Dopo una trafila nelle giovanili del club della sua città e l’esperienza con la squadra B del Nizza, nella stagione 2016/2017 fa la sua prima apparizione in Ligue 1 per mano di Lucien Favre che si accorge di lui e decide di mandarlo nella mischia. L’esordio arriva nell’agosto del 2016, nella gara vinta 1-0 contro il Rennes grazie proprio a una sua rete che dedicherà poi alle vittime della strage di Nizza. Archiviata l’esperienza al Nizza, Sarr adesso si ritrova svincolato.

Foto: