Ultimo aggiornamento: sabato 14 dicembre 2019 18:57

Samuel: “Mi rivedo in Skriniar. Cassano? Mi mise in difficoltà, poi mi massacrò. Io…”

30.11.2018 | 09:50

Intervistato dalla Gazzetta dello Sport, Walter Samuel, ex difensore di Roma e Inter, ha parlato di questi due club, squadre che si sfideranno domenica sera allo stadio Olimpico: “Se mi rivedo più in Manolas o Skriniar? Manolas è più forte nell’uno contro uno. Direi Skriniar: colpo di testa, lancio preciso. Forse non è la cosa che si ricorda, ma ce l’avevo anch’io”. Su Icardi: “Mauro in Nazionale si sta sforzando di fare quello che gli hanno chiesto un po’ tutti. Riguardate il gol al Messico: va incontro alla squadra, protegge la palla e solo dopo va a segnare. Lautaro? Ha un futuro enorme davanti, ma deve avere la pazienza di aspettare le sue chance e la fretta di farsi trovare pronto”. Sulla Roma: “Di Totti ricordo quello che mi disse Batistuta quando arrivai. ‘Vedrai, vinciamo lo scudetto: quello ti mette la palla dove vuole anche se è di schiena’. Aveva ragione: impressionante. Lo scudetto? Ero ancora un giovane coglionazzo, mi persi la festa al Circo Massimo per volare in Argentina: potessi tornare indietro, non partirei prima di una settimana. Chi mi ha messo più in difficoltà? Cassano. Partitella, lo chiudo sulla linea di fondo, mi dico ‘Ecco, adesso non ha spazio per muoversi da nessuna parte’. Con un tocco, uno solo, lui si gira e va via, da dove non l’ho mai capito: nello spogliatoio mi massacrò, gli altri ridevano, io avrei spaccato tutto”.

Foto: Twitter Inter