Ultimo aggiornamento: sabato 12 giugno 2021 00:25

Salernitana, azionariato popolare con McDonald’s per l’iscrizione alla Serie A

12.05.2021 | 15:48

Con la promozione in Serie A della Salernitana, Claudio Lotito ha tempo 30 giorni per cedere il club per l’ammissione alla Serie A, visto che non possono esserci due club con lo stesso presidente in massima serie.

Detto questo, la città di Salerno si mobilita per acquistare la Salernitana, attuando un azionariato popolare insieme a McDonald’s, per iscrivere il club in massima serie. L’imprenditore Luigi Snichelotto, partner di McDonald’s per il Sud Italia, ha proposto un azionariato popolare.

Questo il comunicato:

«Tutti insieme per l’acquisto del Club granata, per disegnare il futuro della Salernitana. È una grande gioia rivedere la “US Salernitana 1919” tornare in serie A dopo più di 23 anni. Un’emozione, un orgoglio per tutti noi: cittadini, tifosi, sportivi, istituzioni, imprese. Una gioia fortissima che, per un attimo, ha trasportato la mente lontana dalle difficoltà che hanno attraversato tutti noi negli ultimi 15 mesi, fatti di restrizioni, chiusure e sacrifici indescrivibili. La Salernitana in Serie A è un bene per tutti e di tutti, dei tifosi e dell’intero territorio. Una potenziale ricaduta economica resa disponibile per tutti i comparti del turismo, commercio, impresa etc. L’intero territorio salernitano e regionale vedrebbe, così, una nuova possibilità di ripresa e sviluppo. Penso che si potrebbe considerare la possibilità di una partecipazione collettiva dal territorio, per creare tutti insieme un gruppo di persone che possano mettere le proprie disponibilità per raggiungere una cifra che possa consentire l’avviamento e il consolidamento di questa operazione, aiutati da ottime banche locali e presenti in tutto il territorio e, non ultime, le istituzioni che governano il territorio. Una sorta di azionariato diffuso, con regole, meccanismi ed aspetti organizzativi e gestionali da definire, tutto ciò cercando di recuperare quello spirito di partecipazione sportiva che ci fu insegnato storicamente e che negli ultimi decenni si è andato sempre più sbiadendo, lasciando il posto al denaro e alla speculazione che oramai la fanno da padrone in troppi campi dell’intelletto umano».

Foto: Wikipedia