Champions League
Champions League logo generico

Rimonte da Champions: ecco le più significative

Missione remuntada, Napoli a caccia dell’impresa contro il Real Madrid. Si parte dal 3-1 maturato all’andata al Bernabeu, teoricamente agli azzurri basterebbe un 2-0, ma non sarà facile conoscendo l’efficacia offensiva dei blancos, che non a caso vanno a segno da ben 46 partite consecutive. Ad ogni modo, la storia della Champions è fatta anche di rimonte. Restringendo l’indagine alla fase ad eliminazione diretta nel nuovo millennio (ed escludendo la più clamorosa, quella del Liverpool in finale ai danni del Milan nel 2005, perché era una partita secca), di seguito vi proponiamo uno specchietto ripreso dal sito ufficiale dell’Uefa. Ci sono gli stessi rossoneri (la Caporetto contro il Depor nel 2004), ma troviamo anche Real Madrid e Napoli, entrambi “vittime” nelle occasioni ricordate, a dispetto dei due gol di vantaggio dopo il primo atto. Nella fattispecie, per i partenopei si fa riferimento agli ottavi di finale dell’edizione del 2011-12: dopo il convincente 3-1 del San Paolo al Chelsea (con Cavani e un doppio Lavezzi a ribaltare il gol di Mata), gli azzurri di Mazzarri al ritorno perdettero 4-1 ai tempi supplementari a Stamford Bridge (marcatori Drogba, Terry, Lampard, Ivanovic e Inler per i campani).

Quarti di finale 1999/2000

Chelsea – Barcellona 3-1

Barcellona – Chelsea 5-1 (dts)

 

Quarti di finale 2003/04

Milan – Deportivo La Coruña 4-1

Deportivo La Coruña – Milan 4-0

 

Quarti di finale 2003/04

Real MadridMonaco 4-2

Monaco-Real Madrid 3-1

 

Ottavi di finale 2011/12

Napoli – Chelsea 3-1

Chelsea – Napoli 4-1 (dts)

 

Quarti di finale 2013/14

Paris Saint-Germain – Chelsea 3-1

Chelsea – Paris Saint-Germain 2-0

 

Quarti di finale 2014/15

Porto – Bayern Monaco 3-1

Bayern Monaco – Porto 6-1

 

 

Commenti

Archivio: Champions League