Ibrahimovic LA Galaxy Foto Uromi Voice

Il retroscena: Ibrahimovic, voglia di fuga da Los Angeles. Dai contatti alle valutazioni del Milan

Una punta in più si imporrebbe in casa Milan, a maggior ragione se il nuovo modulo portasse Gattuso a giocare in modo stabile con Cutrone accanto a Higuain. A quel punto, ma è consigliabile aspettare, due attaccanti non basterebbero e la suggestione Ibrahimovic (non di questi giorni e tutt’altro che smentita da Leonardo) potrebbe concretizzarsi. Anzi, possiamo aggiungere che dal punto di vista di Zlatan la scelta è fatta: vuole tornare in Europa e, a maggior ragione se fosse Milano e quindi il Milan, si libererebbe dai Los Angeles Galaxy. Ma aspetta il via libera. L’ingaggio non sarebbe un problema (guadagna una cifra sotto il milione e mezzo: sono i tetti della MLS, ma può conservare diritti di immagine e sponsor), comunque a 37 anni sarebbe una grande occasione da cogliere al volo. La palla passa al Milan che, tra le altre cose, deve pensare anche all’emergenza a centrocampo. I contatti con Leonardo sono frequenti, assidui, due o tre volte a settimana. Liberarsi dai Galaxy non sarebbe un grande problema per Zlatan, se forzasse davvero, indipendentemente dal contratto e malgrado la volontà del suo attuale club di trattenerlo. In questi giorni le valutazioni del club rossonero, l’operazione non incontrerebbe grandi ostacoli dal punto di vista dei limiti imposti dal FPF. Ma le riflessioni sono altre, le più importanti chiamano in causa Cutrone ora titolare e che potrebbe con lo svedese fare un passo indietro. E se non lo facesse, Ibra sarebbe un eventuale grimaldello da utilizzare partendo dalla panchina: accetterebbe il ruolo? Possibile. Ma intanto il Milan vuole pensarci bene, pur avendo Ibra un grande rapporto con Leonardo e Gattuso.

Foto: Uromi Voice

Archivio: Altro