Ultimo aggiornamento: domenica 07 marzo 2021 13:30

Raspadori: “Non mi aspettavo di giocare così tanto. Mi ispiro ad Eto’o e Aguero”

17.02.2021 | 17:22

Giacomo Raspadori, attaccante del Sassuolo, si è raccontato a “Nero & Verde” sul sito ufficiale della società emiliana: “Essere a questo livello e a quest’età in una squadra a un livello così alto ti spinge ogni giorno a fare qualcosa in più. Devo questi risultati al mister e alla società che hanno dimostrato di avere grande fiducia in me come persona e come giocatore e non mi sarei aspettato nemmeno io di fare così tanti minuti e partite. L’anno scorso ho avuto tante occasioni per mettermi in mostra e sono contento. Il passaggio in prima squadra è stato tosto e non tutti sono pronti a farlo. Soprattutto da un punto di vista emotivo. E’ un passaggio che ti fa capire che non è un punto d’arrivo ma solo di partenza e che ti spinge a capire che ogni traguardo devi sudarlo. Il cambiamento principale è quello mentale più di quello in campo”.

Sui suoi modelli: “Eto’o è stato il simbolo da seguire quando ero ragazzino. La cosa che mi ha colpito di lui è quello di essere un leader silenzioso. Il mio riferimento principale di adesso è Aguero. Mi piace quando vengo associato a lui, soprattutto per il suo stile di gioco”.

Su De Zerbi: “Il gioco di De Zerbi è particolare e molto bello. Avvantaggia i giocatori che hanno determinate caratteristiche. Nelle giovanili facevo la punta ma mi piace anche giocare da trequartista o esterno. Il mister è molto bravo nell’aiutare me e i compagni e non solo da un punto di vista tecnico tattico ma anche da quello motivazionale. Il suo pensiero è molto adatta per un calciatore come me e mi mette nelle condizioni di poter fare meglio. Il calcio di mister De Zerbi va capito e non basta avere delle qualità. Non è un calcio semplice. Bisogna saper alternare le fasi e cucire il gioco, oltre saper leggere i momenti della partita”.

Su Caputo: “Allenarsi con Caputo è una grandissima fortuna sia dal punto di vista calcistico che umano. Anche per come si pone in modo professionale nel corso degli allenamenti. Anche la sua concentrazione nel momento giusto della partita. L’attacco è un reparto molto forte e cerco di prendere qualcosa da tutti”.

Sugli obiettivi della squadra: “Dobbiamo lavorare ogni giorno e pensare a ogni partita con l’intento di prendere tre punti sempre. Cosa succederà, poi si vedrà”.

 

 

Foto: Instagram personale