Ultimo aggiornamento: martedi' 13 aprile 2021 20:59

Ranocchia, il leader silenzioso dell’Inter: poche presenze ma sempre pronto quando chiamato in causa

04.04.2021 | 10:28

In silenzio, con umiltà e lontano dalle luci della ribalta. Ma, all’occorrenza, sempre pronto a rispondere presente. Andrea Ranocchia non è tipo di tante parole, preferisce il lavoro alle attenzioni, si rende utile ad Appiano e nello spogliatoio quando non può farlo in campo. Appena 553 i minuti giocati quest’anno, di cui 120′ nella trasferta a Firenze in Coppa Italia, eppure l’ex Bari e Genoa resta una figura chiave per tutto il gruppo e grazie alla sua professionalità e al suo impegno si è conquistato stima e rispetto dei suoi stessi tifosi.

Le presenze in campo, si contano sulle dita di una mano, eppure Ranocchia ha sempre risposto presente e lo ha fatto anche a Bologna: due mesi passati a guardare gli altri giocare, alla prima occasione si fa trovare di nuovo pronto con una prestazione sontuosa, risolvendo un paio di situazioni spinose sempre con prontezza e lucidità. Uno che, in testa, ha anche l’obiettivo di chiudere un cerchio iniziato il 29 maggio 2011, giorno della vittoria in Coppa Italia, ultimo trofeo alzato dall’Inter. E della rosa di oggi, in quella squadra, c’era solamente lo stesso Ranocchia.

 

Foto:zimbio