Ultimo aggiornamento: lunedi' 19 ottobre 2020 18:01

Pochettino: “Juve squadra eccezionale, domani servirà lucidità. Su Dybala, Alderweireld e il mio futuro…”

12.02.2018 | 18:51

Insieme a Harry Kane, anche il tecnico del Tottenham Mauricio Pochettino ha naturalmente tenuto la rituale conferenza stampa, alla vigilia del match contro la Juventus: “Alderweireld, Foyth e Peters sono rimasti a lavorare a Londra, per il resto abbiamo portato tutta la rosa, vedremo nella rifinitura chi potrà essere utilizzato. Si è parlato molto in queste ore dell’assenza di Alderweireld? Cercheremo di aiutarlo a tornare in forma senza rischiare, ha avuto un infortunio abbastanza grave, deve continuare a lavorare per tornare più forte di prima. In queste partite si deve essere al 200%. Capisco che per lui sia frustrante saltare partite come queste ma la cosa più importante è la sua carriera, ha ancora 28 anni e quindi avrà la possibilità di giocare nuovamente partite di questo tipo. Lui avrebbe voluto esserci ma la nostra responsabilità è quella di prendere le decisioni migliori. I calciatori pensano sempre di essere in forma e vorrebbero sempre giocare, ma non vogliamo mettere nessuno a rischio, in questo momento Alderweireld deve soltanto pensare a recuperare. La prima volta a Torino? La Juventus è una squadra eccezionale e non ci possiamo paragonare a loro, sia per la storia che per le ultime stagioni. Noi siamo una squadra giovane che sta costruendo un progetto importante. Il nostro sogno è quello di raggiungere il livello della Juventus, vedremo se intanato domani riusciremo ad esserlo. La loro rosa è eccellente. Se non ci saranno Dybala, Matuidi e Barzagli, Allegri avrà la possibilità di sostituirli al meglio anche se avrebbe preferito averli a disposizione. Per il resto sono felice di essere a Torino, ho sempre sentito parlare bene della città e del Piemonte, il mio trisavolo viene da qui. Ma adesso penso solo alla partita di domani. Pesante soprattutto l’assenza di Dybala? Parliamo di un grandissimo giocatore, la Juve cambia a seconda che l’argentino sia in campo o meno. Ha la capacità di fare la differenza ma ci sono altri giocatori, come Bernardeschi, che possono cambiare le cose. Il mio futuro? Ho altri tre anni di contratto e sono molto felice qui, si capisce dato che alleno il Tottenham da quattro anni. Quale sarà il nostro approccio domani? Vogliamo entrare in campo con coraggio avendo rispetto dei nostri avversari. Vogliamo goderci questo momento al massimo: ho sempre sognato la Champions League e di affrontare la Juve. È un momento entusiasmante, vogliamo divertirci e giocare con lucidità. Vogliamo passare il turno, anche se non sarà facile segnare a questi avversari. Ma noi in campionato siamo stati competitivi anche con le grandi squadre”.

Foto: Twitter Tottenham