Pioli Fiorentina Foto Bologna Twitter

Pioli: “Fra 2-3 anni lotteremo per i posti di vertice. Gasperini? Pensi ai suoi giocatori. Chiesa…”

Stefano Pioli, tecnico della Fiorentina, questa mattina è intervenuto ai microfoni di “Radio Anch’io Sport” su Radio Rai Uno. L’allenatore viola è tornato anche sul finale ad alta tensione di ieri al Franchi, con Gasperini – furioso per il rigore assegnato alla Fiorentina – che al triplice fischio si è avvicinato allo stesso Pioli prima che i due venissero divisi. Ecco le parole di Pioli: “Con la vittoria di ieri abbiamo certificato un buon inizio, ma è solo questo perché è ancora troppo presto per valutare la stagione. Siamo molto giovani, una squadra che però sa che col duro lavoro può andare oltre i nostri limiti. Il rigore di Chiesa? L’arbitro ha visto così e non ha utilizzato il VAR perché convinto di ciò che aveva visto, c’è poco da aggiungere. Ho criticato l’arbitraggio contro l’Inter perché l’utilizzo del VAR non era stato consono e per noi il VAR deve essere usato per comprendere e migliorare gli arbitraggi e le scelte. Gasperini ha dato del simulatore a Chiesa? Io non mi permetto mai di parlare dei giocatori degli altri. Onestamente preferirei che Gasperini non parlasse di un mio giocatore ma pensasse ai suoi. Federico è molto bravo nell’uno contro uno e siccome si prende delle responsabilità prende molti calci e dunque falli. Ha molto margine di crescita perché è giovanissimo e ha grandi qualità. Fiorentina da Champions? E’ troppo presto. Io penso che i valori ci siano e siano differenti a quelli espressi ora dalla classifica. Penso che le prime sei dell’anno scorso siano ancora forti come l’anno scorso e superiori a noi. Ci vorranno ancora tante partite per capire dove potremmo arrivare, noi dobbiamo pensare solo alla prossima partita. Un progetto per entrare in Champions nel futuro? L’idea c’è ed è questa. Ci siamo rinnovati interamente e l’idea è quella di costruire una squadra che possa competere come negli anni di Prandelli o di Montella. Non sarà facile visti gli avversari, ma l’idea della proprietà è quella di arrivare a competere nel giro di 2-3 anni nei posti di vertice”.

 

Foto:Twitter Bologna

Archivio: Altro