Ultimo aggiornamento: sabato 31 ottobre 2020 11:17

Perin: “Non sono l’untore del calcio italiano. Il caos Juve-Napoli non è iniziato per colpa nostra”

16.10.2020 | 10:32

Mattia Perin, portiere del Genoa e primo contagiato da Covid-19 nel club ligure, è tornato a parlare dell’accaduto sulle colonne di Repubblica. Queste le parole dell’estremo difensore del Grifone: ““Non sono l’untore del calcio italiano. La settimana prima di Napoli-Genoa, il 21 settembre mi recai a Torino per rivedere mia moglie e i bambini, era un lunedì: al contrario di quanto è stato detto, non esiste alcuna evidenza che io abbia contratto il Coronavirus proprio quel giorno. Il mercoledì seguente ci sottoponemmo ai tamponi, come sempre. Il risultato arrivò il giovedì mattina, era tutto okay. Ma la sera avevo la febbre. Sia chiaro che il caos di Juve-Napoli non è iniziato per colpa del Genoa.” Poi aggiunge: “Questa è una malattia subdola, la puoi prendere in taxi, oppure schiacciando il bottone di un ascensore. Nella mia famiglia sono tutti negativi. La verità è che in una dozzina di ore cambia il quadro clinico, neppure gli specialisti sanno molto del Covid 19.  Noi calciatori siamo molto scrupolosi. Nessuno toglie la mascherina, rispettiamo regole e distanziamenti, poi è chiaro che in campo veniamo a contatto, è inevitabile. Basta con i cliché del calciatore ricco, viziato, privilegiato e menefreghista! Ho letto giudizi molto superficiali. Se ci fossimo chiamati Real Madrid, Inter o Juventus, saremmo stati rispettati di più.”

Foto: sito genoa