Ultimo aggiornamento: sabato 10 aprile 2021 11:54

Da Ozil a Barkley passando per Ben Arfa e Max Meyer: i migliori trequartisti in scadenza di contratto

16.11.2017 | 23:59

Gennaio si avvicina e in questa sede analizzeremo i profili più interessanti, divisi per ruolo, nell’ambito dei calciatori in scadenza di contratto il prossimo giugno. Possibili occasioni low cost in vista della sessione invernale, ma soprattutto – in assenza di novità sul fronte rinnovo – stuzzicanti parametri zero per la prossima estate. Oggi è la volta dei trequartisti.

 

MESUT OZIL (Classe 1988, Arsenal)

L’elemento più patinato nel prestigioso roster dei numeri 10 già entrati negli ultimi otto mesi scarsi di contratto. L’Arsenal confida ancora nel prolungamento, anche sulla scorta delle recenti dichiarazioni dell’agente. In ogni caso, tra confusione societaria ed evidenti limiti manageriali di Wenger, portare un fantasista del suo spessore in scadenza (stesso discorso per Sanchez) è stato un harakiri, sperando di evitare il bagno di lacrime. 

 

ROSS BARKLEY (Classe 1993, Everton)

L’ultimo giorno della sessione estiva sembrava tutto fatto con il Chelsea, ma poi, complice anche l’infortunio muscolare che ancora non gli ha consentito di fare il suo esordio stagionale, il prodotto del settore giovanile dei Toffees è rimasto all’ombra di Goodison Park. Il futuro del nazionale inglese sarà con ogni probabilità ancora in Premier League: chi lo prende fa l’affare.

 

JUAN MATA (Classe 1988, Manchester United)

Lo inseriamo soltanto formalmente in elenco, dal momento che i Red Devils hanno intenzione di sfruttare l’opzione per prolungare d’imperio il contratto del 29enne specialista, ex Chelsea e Valencia, per una ulteriore stagione. Se poi non verrà trovato l’accordo per il rinnovo, in estate verosimilmente lo spagnolo sarà ceduto al miglior offerente. 

 

MAX MEYER (Classe 1995, Schalke)

Esauritosi il ciclo con la Germania Under 21 ed uscito temporaneamente anche dal giro della Nazionale maggiore, negli ultimi diciotto mesi non si è distinto particolarmente, ma le sue qualità non sono in discussione. Insieme a Goretzka, il cui addio a fine stagione è ormai certo, il club di Gelsenkirchen rischia di perdere, senza incassare un solo euro per il cartellino, anche l’altro suo fiore all’occhiello.

 

HATEM BEN ARFA (Classe 1987, Psg)

La stagione al Nizza lo aveva nuovamente proiettato in orbita, al punto da fargli meritare il lauto biennale sottopostogli da Al-Khelaifi. Peccato però che il bizzoso ex Lione non sia mai riuscito a fare breccia nel cuore di Unai Emery, che sostanzialmente mai lo ha considerato. È nel pieno della maturità calcistica, può giostrare anche da seconda punta, se adeguatamente motivato è ancora in grado di fare la differenza.

LUCAS LIMA (Classe 1990, Santos)

Il brasiliano è destinato ad animare la sessione invernale, dato che il vincolo che lo lega al Santos spirerà il giorno di San Silvestro. Il suo agente negli ultimi mesi lo ha proposto ad ogni latitudine, anche a società italiane. Buon rapporto qualità-carta d’identità, la sensazione è che alla fine della fiera possa restare nella terra del samba, pur cambiando maglia.

Tra gli altri si segnalano Keisuke Honda (Classe 1986, Pachuca), Filip Djuricic (Classe 1992, Sampdoria), Zlatko Junozovic (Classe 1987, Werder Brema), Adam Maher (Classe 1993, Psv Eindhoven), Yohan Gourcuff (Classe 1986, Rennes)  e Lewis Holtby (Classe 1990, Amburgo).

 

Foto: Daily Mail-Liverpool Echo-Gentside Sport-The Sun