Ultimo aggiornamento: domenica 27 settembre 2020 00:33

Ora è anche ufficiale: Andreazzoli nuovo allenatore dell’Empoli. Il comunicato

17.12.2017 | 19:40

Empoli

Aurelio Andreazzoli è il nuovo allenatore dell’Empoli. Tutto confermato rispetto alla nostra esclusiva delle 18.47. Dopo l’esonero di Vincenzo Vivarini, il club toscano riparte dunque da Andreazzoli, che ha firmato un contratto fino al termine della stagione. Di seguito il comunicato ufficiale con tutti i nomi dello staff tecnico: “L´Empoli Fc comunica di aver affidato la guida tecnica della prima squadra ad Aurelio Andreazzoli. L´allenatore sarà coadiuvato dal´allenatore in seconda Giacomo Lazzini, ex centrocampista azzurro nella stagione 1992-93 e da Andrea Aliboni che ricoprirà il ruolo di match analyst.
Mister Andreazzoli ha firmato un contratto fino al 30 giugno 2018. Il nuovo tecnico sarà presentato domani, lunedì 18 dicembre, alle ore 12.00 presso la sala stampa Antonio Bassi dello Stadio Castellani.
Andreazzoli è nato a Massa il 5 novembre 1953. Inizia ad allenare nel 1985 nell´Orrione (seconda categoria) per poi passare all´Ortonovo, portando la squadra dalla Seconda Categoria in Promozione. A inizio anni novanta passa prima al Pietrasanta, in Promozione, poi al Castelnuovo Garfagnana in Eccellenza. In seguito guida per due stagioni la Primavera della Lucchese e poi la Massese in Serie C1. Nel 1996 approda alla Fiorentina, dove guida prima gli Allievi e poi la Primavera. Allena poi Tempio, Aglianese, Grosseto e Alessandria. Nell´estate del 2003 diventa collaboratore di Spalletti all´Udinese e da lì entra nello staff del tecnico di Certaldo, seguendolo nella sua prima avventura romana. Lascia la società giallorossa nel settembre del 2009 per tornarci nel febbraio di due anni dopo per ricoprire sempre il ruolo di collaboratore tecnico, lavorando prima con Vincenzo Montella, poi con Luis Enrique e Zdeněk Zeman. Il 2 febbraio 2013, in seguito all´esonero del boemo, gli viene affidata la guida della squadra, dove resta fino a fine stagione per poi tornare al ruolo di collaboratore, prima con Rudi Garcia e poi, di nuovo, con Spalletti”.