Ultimo aggiornamento: domenica 29 november 2020 20:04

Oddo: “Gattuso era già un allenatore quando giocava. Ibra? Ha un grande carisma”

17.11.2020 | 15:37

Massimo Oddo, allenatore del Pescara, a La Gazzetta dello Sport, ha raccontato il suo rapporto con Gennaro Gattuso, in vista della gara tra Napoli e Milan di domenica. Parole anche su Ibrahimovic.
Queste le sue parole: “Gattuso? Quando arrivavi a Milanello lo trovavi sempre lì, era il primo ad arrivare, aveva una voglia matta di iniziare a correre. Era già lì, tutti i sacrosanti giorni. D’altra parte su questo tipo di atteggiamento ha fondato la sua carriera, la precisione, la puntualità, anche quello della professionalità e della voglia di fare quel qualcosa in più. In ritiro precampionato si presentava tre giorni prima. Rino non aveva la fascia da capitano, ma era come se lo fosse, anzi, già quando giocava era un allenatore in campo. Era il braccio armato dello spogliatoio, nel senso che se a Maldini bastava uno sguardo, lui ti mollava i ceffoni. Un manesco nel senso buono ovviamente, come un genitore vecchio stampo, di come ce ne vorrebbero oggi. Un padre per tutti. Però a volte alcuni di quegli sganassoni somigliavano molto a quelli veri, e facevamo male”. 
Su Napoli-Milan: “Per Gennaro sarà una gara speciale. Lo conosco bene, è troppo importante il Milan per lui e la sentirà in modo particolare. Ovvio poi è un professionista, ora è nel Napoli e deve pensare a vincere per il suo club. Ma certi amori non passano mai”. 

Su Ibrahimovic: “Un’altra cosa rispetto a Gattuso. Lui faceva il calciatore, era molto più giovane e quella squadra era già piena di senatori, non gli era richiesto il lavoro da guida che svolge ora. Comunque emanava un grande carisma. Rispetto a Rino era un ragazzo più riservato, che lasciava le faccende personali fuori dallo spogliatoio”.