Ultimo aggiornamento: giovedi' 26 november 2020 00:37

NUNEZ SUBITO PROTAGONISTA: L’ATTACCANTE ARRIVATO AL POSTO DI CAVANI SI PRENDE IL BENFICA

26.10.2020 | 15:20

Il Benfica si gode il “mini Matador”, Darwin Nunez. L’attaccante uruguayano, classe 1999, è cresciuto con il mito di Cavani, il bomber di cui ha preso il posto nel Benfica. L’ex Napoli e PSG, infatti, sembrava ad un passo dall’approdare alle “Aquile” lo scorso agosto, prima che rinunciasse al trasferimento, preferendo il Manchester United. Il Benfica allora ha virato su Nunez, l’erede del Matador, che per ora sta ben figurando.

Ancora nessun gol, per lui, nella Primera Liga portoghese, dove però ha collezionato già 5 assist in 4 partite. Ma nel suo esordio in una competizione europea, Darwin Nunez ha lasciato subito il segno, Per l’attaccante una tripletta, nella vittoriosa gara del Benfica in Europa League, con il Lech Poznan per 4-2 in terra polacca.

E pure non è stata la prima tripletta in carriera per Darwin, che aveva già portato il pallone a casa ai tempi del Penarol, in Uruguay.

Nato ad Antigas, piccola cittadina uruguayana al confine con il Brasile, Nunez ha avuto un’infanzia difficile, a causa delle difficoltà economiche della famiglia e ai continui allagamenti che si avevano nella sua cittadina, causati dallo straripamento del vicino fiume. Ma il suo talento con la palla al piede fu subito chiaro a tutti.

A 14 anni viene notato dal Penarol, uno dei club più importanti dell’Uruguay e viene tesserato per le giovanili. Numeri devastanti nei campionati con i pari età, gol a raffica per lui, che quindi, a soli 16 anni, era pronto per la chiamata in prima squadra. Un gravissimo infortunio, però, poteva stroncargli la carriera. La rottura del crociato del ginocchio lo tenne fuori per quasi 2 anni e quando tornò, sembrava aver perso la sua potenzialità. Ci vollero altri 2 anni per tornare ai suoi livelli e nel 2019, la svolta. Viene convocato dall’Uruguay under 20 per i Mondiali di categoria, dove segna due gol e il suo nome inizia a circolare tra i direttori sportivi di tutta Europa.

Su di lui investe l’Almeria, che lo paga 6 milioni al Penarol e lo porta in Spagna nell’estate 2019, in Seconda Divisione. Un esordio in Europa devastante per Nunez, dove segna 16 gol in 30 presenze, attirando l’attenzione di grandi club come Benfica e Napoli. Intanto il maestro Oscar Washington Tabarez lo convoca anche nella Nazionale maggiore dell’Uruguay, dove esordisce nel novembre 2019, segnando subito all’esordio nell’amichevole con il Perù.

Arriviamo quindi all’estate 2020. Il Napoli sembra voler investire sul giovane attaccante, per farne ricalcare le orme di Cavani. Ma il Benfica, una volta appurato il rifiuto proprio di Cavani, lo ha soffiato ai partenopei, pagandolo 24 milioni all’Almeria. Un trasferimento record: calciatore più pagato dal Benfica nella storia e i 24 milioni incassati dall’Almeria, sono un record per una cessione per un club della Seconda Divisione Spagnola.

Il resto è storia recente, come detto, 5 assist in quattro giornate di Primera Liga e tripletta all’esordio in Europa League. Il “mini Matador” si è presentato alla grande nel nido delle aquile. Nunez è stato spesso paragonato a Cavani per le sue caratteristiche, forza fisica, ottimo tiro da fuori e grande resistenza, oltre al fiuto del gol e duttilità tattica. A dirlo, in una recente intervista, anche l’ex Napoli, Walter Gargano, che lo ha avuto come compagno di squadra al Penarol.

Il Benfica, dunque, perso il “Matatodor” Cavani, si gode il suo erede, il “mini Matador” con la speranza che possa ripercorrere una carriera ricca di gol e successi come il suo idolo.

FOTO: TWITTER UFFICIALE BENFICA