Ultimo aggiornamento: mercoledi' 22 gennaio 2020 11:57

Nicola: “Sono 28 anni che il Genoa non raggiunge i quarti, vogliamo farci questo regalo. Portiere? Gerarchia decisa”

08.01.2020 | 15:55

L’allenatore del Genoa, Davide Nicola, è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia del match di Coppa Italia contro il Torino: “Al Sassuolo non penso già più. Domani c’è un’altra competizione. Turnover? Correggerei la parola con casting. Valuteremo con lo staff medico chi potrà giocare due gare in quattro giorni. E’ possibile che ci siano dei cambi ma può essere che giochi anche chi è sceso in campo col Sassuolo. Domani è una partita da dentro o fuori che ci può permettere di fare uno step in più. Sono poi tra l’altro 28 anni che il Genoa non si regala i quarti di finale. Ci teniamo tentassimo a farci questo regalo“.

Torino

“E’ una squadra con dieci punti più di noi e con giocatori in grado di decidere la partita. E’ una squadra molto fisica, che attacca la profondità e arriva a prediligere le corsie laterali. Sono molto aggressivi e giocano in casa quindi sappiamo di trovarci di fronte ad una gara tosta ma noi sappiamo quello che vogliamo fare”.

Momento Genoa

“Vista la condizione di classifica dobbiamo migliorare nella gestione della partita. In cinque giorni abbiamo agito sulle priorità. Questa squadra può crescere nello sviluppo in verticale. Hanno interpretato molto bene la partita i ragazzi. Noi abbiamo la necessità di capire che il Genoa deve lottare ovunque e contro chiunque esprimendo la propria identità”.

Portiere 

“Io non faccio come tanti allenatori: sono due competizioni differenti. Io la mia gerarchia l’ho stabilita. Io conoscevo Mattia Perin e mi sembra logico che un allenatore parta dalle certezze. Perin è un portiere importantissimo come Radu. Le competizioni sono diverse e Radu è un portiere importante”.

Destro 

“L’incontro con Mattia è stato semplicemente bellissimo. Ci siamo detti le impressioni che ognuno aveva raccolto. Partendo da una disanima franca e leale siamo passati allo step successivo: valutare la condizione di Mattia con un programma. E’ arrivato con una motivazione incredibile e deve essere messo nella condizione di essere aggregato il prima possibile”.

Foto: Twitter Genoa