Ultimo aggiornamento: martedi' 15 ottobre 2019 13:35

Nesta: “Frosinone piazza importante, c’è ambizione”

19.06.2019 | 12:42

Prime parole da tecnico del Frosinone per Alessandro Nesta, presentato ufficialmente dal club nella sala stampa dello stadio “Benito Stirpe”. Queste le sue prime parole da tecnico dei ciociari.

“Sono arrivato in una squadra importante, il massimo che potessi avere. Ho già parlato con il presidente Stirpe, è una grande persona e mi ha chiesto di fare quello che so fare. Sono ancora un allenatore giovane con tante idee, e vorrei rimanere fedele alla mia idea di calcio. Se andrà male sarà colpa mia, non cercherò mai alibi, mi sono sempre preso le mie responsabilità. Dovremo sudare per ottenere ogni punto e lottare con umiltà. Questo club viene dalla retrocessione, il primo obiettivo è riportare entusiasmo, far venire voglia di venire allo stadio per quello che proponiamo. Non faremo un campionato anonimo, gli obiettivi sono sempre alti”.

“Ogni allenatore mi ha lasciato qualcosa, Zeman mi ha schierato in difesa a 17 anni, Ancelotti mi ha allenato per molto tempo ed è il top per come gestisce i giocatori. Bisogna farsi volere bene, noi eravamo pronti a tutto per lui. Ma non puoi copiare dai tuoi vecchi maestri: puoi prendere spunto, ma devi rimanere fedele alla tua idea di calcio. Modulo? Preferisco la difesa a 4 dietro, penso che riproporrò il 4-3-1-2, un modulo che conosco bene. Quello che conta di più, però, è la mentalità, è fondamentale allenarsi a certi ritmi. Sono un allenatore giovane, quindi so come pensa un calciatore”.

Simone Inzaghi mi ha sorpreso, mi complimento con lui perché allenare la Lazio a Roma non è mai facile. Il suo 5-3-2 però è diverso adl mio. Simeone ha fatto grandi cose, il suo 4-4-2 somiglia a quello di Eriksson. Tutti abbiamo dimostrato qualcosa, eravamo competitivi. Io preferisco fare il passo in base alla mia gamba, se vai subito in squadre come il Milan non hai il tempo di creare la tua identità e vieni mangiato dall’ansia e dalla pressione. Per questo, allenare in America è stata la migliore scelta che potessi fare. Verre? Mi ha salvato con i suoi gol, non so però cosa vuole fare, è della Sampdoria. Insieme ai direttori sceglieremo cosa fare, anche in base al mercato: cercheremo di fare la miglior squadra possibile. Totti? Non entro in questioni del genere, è mio amico e spero stia meglio possibile”.

Foto Twitter Ufficiale Frosinone